Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi
18/02/2019 04:00:00

Le proteste sul prezzo del latte. Il PD presenta una interrogazione al presidente Musumeci

I parlamentari regionali del Partito Democratico Di Pasquale, Catanzaro, Arancio, Sammartino e Cafeo, hanno presentato un’interrogazione rivolta al Presidente della Regione Siciliana e all’Assessore regionale dell’Agricoltura in merito alla ribellione sul prezzo del latte ovino che, dalla Sardegna, è arrivata anche in Sicilia. In particolare, i parlamentari del Pd hanno chiesto di sapere “quali interventi si ritiene di promuovere, al fine di garantire, in tempi rapidi, un efficace sistema di controllo sui fattori di produzione e sulla remunerazione del latte, in grado di tutelare i piccoli allevatori (parte debole della filiera), con meccanismi sanzionatori, atti a contrastare il deprezzamento della materia prima, e se è intendimento del Governo invitare a prendere parte all’istituendo tavolo tecnico i pastori siciliani, parimenti all’annunciata partecipazione dei pastori sardi”.

L’interrogazione nasce dalla considerazione che “da quanto è possibile dedurre dai dati elaborati dall’Istituto di Servizi per il Mercato Agricolo Alimentare (Ismea), il crollo del prezzo del latte eĚ€ stato determinato dalla sovrapproduzione di pecorino romano, per il prezzo elevato del medesimo alla vendita, fino a saturarne il mercato, con conseguente crollo del prezzo, in danno del singolo pastore”. “Siamo convinti – dice l’on Dipasquale – che il latte siciliano, al pari di quello sardo, non può essere penalizzato dai flussi commerciali esteri e da chi abusa della propria forza contrattuale superiore e per questo chiediamo l’intervento del Presidente e dell’Assessore dell’Agricoltura”.