21/03/2019 06:00:00

Nicoletta la vittima, Margareta e Carmelo gli assassini. Cosa è successo veramente?

Di Angelo Barraco

“E nessuno ti abbraccia mai…” è la frase presente nella foto di copertina del profilo facebook di Nicoletta Indelicato, 25enne di Marsala, in provincia di Trapani, scomparsa nella notte tra sabato e domenica scorsa e rinvenuta cadavere martedì notte. I genitori avevano denunciato la scomparsa agli inquirenti e le ricerche erano state avviate nell’immediato. Nessuno ha potuto più riabbracciare Nicoletta, non hanno potuto farlo i suoi genitori che oggi vogliono la verità e non hanno potuto farlo neppure i suoi amici che la ricordano come una ragazza gentile, allegra e solare. Una morte che ha inghiottiti nel silenzio e nel dolore la piccola città di Marsala; culla della tranquillità, bacino di cultura e patria di santi, poeti e navigatori. La giovane è stata uccisa brutalmente con sei fendenti, bruciata e poi abbandonata nelle campagne in contrada Sant’Onofrio. Carmelo Bonetta, 34 anni, di Termini Imerese, ha confessato il delitto dopo un lunghissimo interrogatorio.

L’uomo avrebbe ricostruito in modo dettagliato la dinamica del delitto, indicandone il luogo e conducendo gli inquirenti sul luogo del ritrovamento. Nicoletta, nata in Romania, sabato sera era uscita con la sua amica Margareta Buffa, anche lei nata in Romania. Le due si erano conosciute tramite social ed entrambe erano fortemente legate dal loro passato. Quella sera era successo sicuramente qualcosa. La giovane, infatti, non era rientrata in casa. Erano uscite fare un giro in città, le telecamere di sorveglianza le avevano immortalate mentre uscivano da un locale e si allontanavano in macchina verso una zona di campagna. Bonetta avrebbe confessato agli inquirenti che si sarebbe nascosto nel bagagliaio dell’automobile e che sarebbe uscito all’improvviso mentre le giovani passeggiavano in contrada Sant’Onofrio, colpendo Nicoletta Indelicato alle spalle.

Dopo averla colpita, avrebbe cosparso il corpo di benzina e infine le avrebbe dato fuoco. Che rapporto c’era tra Bonetta e Buffa? Erano forse legati da un rapporto sentimentale? Ma come mai hanno ucciso Nicoletta? Per gelosia? Eppure Bonetta, nei suoi cinque profili social, risulta single. Carmelo Bonetta si trova attualmente in stato di fermo nel carcere di San Giuliano di Trapani. Margareta Buffa, invece, si trova reclusa al Pagliarelli di Palermo. La città di Marsala è sconvolta per quanto accaduto. I cittadini hanno reagito alla tragica notizia, manifestano la massima vicinanza alla famiglia Indelicato e condannano il gesto degli assassini. Gli amici e i conoscenti hanno scritto messaggi e lettere in ricordo di Nicoletta, sottolineando quanto fosse bello quel sorriso ingiustamente strappato alla vita.

Il Sindaco Alberto Di Girolamo ha scritto su facebook un messaggio: “La nostra città oggi è senza parole per la tragica morte di Nicoletta Indelicato, che ci lascia sgomenti. Siamo vicini alla famiglia, colpita da un episodio efferato e drammatico, e manifestiamo la nostra gratitudine alle Forze dell'ordine e alla Magistratura per il lavoro svolto. Sono profondamente dispiaciuto – sottolinea il Sindaco Alberto Di Girolamo – per il tragico esito della scomparsa di Nicoletta Indelicato. Noi tutti speravamo di ritrovarla in vita in modo che potesse essere restituita all’affetto dei suoi familiari. E invece così non è stato. Il mio dolore è anche quello dell’intera collettività marsalese; tutti siamo affranti per la morte di Nicoletta e per la sua assurda uccisione. La mia vicinanza alla famiglia è totale. Al tempo stesso desidero plaudire il lavoro della Procura della Repubblica e dei Carabinieri per avere assicurato alla giustizia gli autori del crimine”.

Ma chi è il re confesso Carmelo Bonetta e chi è Margareta Buffa? Che ruolo avevano nella vita di Nicoletta? La confessione di Bonetta ha rievocato nella mente di molti, per le modalità efferate descritte, il delitto del Circeo. Un agguato inaspettato e senza pietà. Nicoletta era una ragazza semplice, che amava sorridere alla vita, che pubblicava sul suo profilo fotografie di gatti, fiori colorati baciati dal sole e che amava la vita. “Un uomo sincero non ama milioni di donne. Ne ama una sola in un milioni di modi”. Si descriveva così invece Carmelo Bonetta. Nella sua descrizione invece precisava “sono un uomo serio che ama i valori della famiglia”. Ma cosa emerge dal web? Da una ricerca più accurata emerge che Bonetta era possessore di ben cinque profili facebook. In due dei cinque profili social risulta essere single, in uno, invece, risulta avere una relazione dal 21 aprile 2017 e in due profili non è specificata alcuna relazione sentimentale. Può aver interagito con Nicoletta tramite uno di questi profili? Può essere stato questo il motivo della lite e in fine dell’omicidio? Come mai tanta brutalità ed efferatezza? Cosa è successo veramente tra Nicoletta, Carmelo e Margareta? I profili social potrebbero dare una risposta alle tante domande? Saranno le indagini a chiarire tutto.