Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi
13/06/2019 12:25:00

Trapani, la festa dei Bersaglieri

 Con una cerimonia semplice ma densa di significato é stata celebrata, questa mattina alla caserma Giannettino di Trapani, la cerimonia per il 183' anniversario della costituzione del Corpo dei bersaglieri.

Ad animare la festa il concerto della Fanfara del sesto reggimento, la sfilata dei mezzi militari d'epoca del museo di militaria di Marsala e del club Sartarelli di Trapani che ha messo a disposizione le auto più belle: l’Austin Healey del 1953; la Mg A 1600 del 1959; la Fiat 1200 del 1961; la Fiat 124 Sport 1400 del 1967; l’Alfa Romeo spider del 1990; la Giulia 1600 del 1964; la Fiat Barchetta del 1995, l’Alfa Romeo spider 2000 del 1991.

 


 

A fare da contorno alla manifestazione la consegna dell"attestato di amicizia all'alunna Gaia Verro del plesso San Francesco d'Assisi di Trapani. La piccola studentessa ha realizzato il tema Una giornata con le forze armate nell' ambito di un progetto su pregiudizi e violenza di genere. La cerimonia si é conclusa con il saggio ginnico.


I bersaglieri sono nati il 18 giugno del 1836 su intuizione dell’allora capitano Alessandro La Marmora.
“Ancora oggi – ha detto il comandante del sesto reggimento di Trapani, colonnello Massimo Di Pietro – i Fanti piumati sono animati di professionalità, determinazione e grande generosità. Patria, Tricolore, spirito di corpo, eroismo, ardimento, onore e fedeltà sono per molti termini e concetti privi di significato, ma noi bersaglieri cresciamo e viviamo con questi valori, mantenendoci giovani con il canto, con la musica della Fanfara e con la corsa”.