Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi
19/06/2019 11:15:00

Alberghiero Erice diploma 16 sommelier. Prima scuola in Italia a completare i tre livelli

L’Istituto Alberghiero “Florio” di Erice ‘festeggia’ il superamento degli esami del terzo livello da parte di 16 neo diplomati sommelier; 6 docenti e 8 studenti, di cui 2 esterni: Paolo Torrente, Luigi Cianni, Antonino La Sala, Antonino Peraino, Stefano Mancuso, Maria Anna Cipolla, Francesco Gulino, Federica Margagliotti, Gaetano Gualberti, Donato Ricupero, Daniele Minaudo, Samuele Delia, Paolo Anselmo, Salvatore Barraco, Maria Chiarastella Ingraldi, Federico Valenti, Francesco Cangemi e Sara Mazzara.

Grande la soddisfazione della Dirigente scolastica, Pina Mandina, per l'importante risultato raggiunto, dal momento che si tratta della prima scuola in Italia a completare i tre livelli. A due ragazzi che hanno frequentato il corso, inoltre, per i risultati conseguiti è stato consegnata una borsa dall'Ais per la frequenza del livello successivo. Si tratta di Gaetano Gualberti e Chiara Stella Ingraldi. I due giovani sono stati segnalati dall'Associazione Italiana Sommelier al concorso "Premio Maschio Bonaventura", che generalmente si tiene a ottobre.

Il corso di sommelier di terzo livello, con l’Ais regionale per professori e studenti che hanno conseguito la qualifica a seguito di esami con una commissione esterna, era stato avviato all’Alberghiero di Erice, il 10 aprile scorso. Quattordici le lezioni in calendario, distribuite su dieci giornate. “Per la nostra scuola il valore aggiunto è rappresentato dalla ricaduta didattica e dalla maggiore qualificazione dei percorsi che puntano alla formazione di veri professionisti del settore enogastronomico – ricorda la preside Mandina - che affinano la capacità di abbinare cibo e vino di qualità.

Siamo consapevoli che le competenze acquisite dagli studenti saranno immediatamente spendibili sia nei percorsi di alternanza scuola lavoro e negli stage formativi estivi, che nel mondo del lavoro vero e proprio, e renderanno contrattualmente competitivi i nostri giovani”.