18/07/2019 12:53:00

Birgi, le tratte sociali e quelle sponsorizzate. Cosa c'è da fare

 Aeroporto Birgi:  il ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Toninelli, ha firmato il decreto ministeriale per imporre gli oneri di servizio pubblico su alcune rotte da e per l'aeroporto di Trapani. Pertanto a partire dal marzo 2020, saranno soggette a oneri di servizio pubblico le rotte (tratte sociali) da Trapani a Trieste, Brindisi, Parma, Ancona, Perugia e Napoli e viceversa. In sostanza al passeggero è offerta la possibilità di volare a prezzo ben agevolato per le destinazioni dette. Bisognerà vedere, comunque, il dettaglio del decreto.

Va evidenziato che non va confusa la ''tratta sociale'' con le tratte sponsorizzate (come era Ryanair). Non è risolutivo ma è un primo passo. A questo punto, se la Comunità Europea darà il suo placet alle ''tratte sociali'', prende forza l ipotesi Musumeci: proporre alle compagnie aeree meno tratte sponsorizzate ( fuori Italia) . Tanto renderebbe appetibile Birgi. In termini spiccioli ,se prima una compagnia aerea non era interessata perchè il contributo della ''sponsorizzazione'' propostole risultava scoraggiante, dovendo spalmarsi la somma disponibile (15 milioni) su molte tratte, se si avesse la continuità territoriale( le tratte sociali), si potrebbero poche tratte sponsorizzate ( extra italia) riducibili anche a 6 (Parigi, Londra, Berlino, Vienna, Lisbona, Tunisi) incoraggiando così i vettori e rendendo remunerativo,appetibile ed interessante l'accordo, finora fallito, appunto.

Tanto,però, impone anche:

-il mantenimento e incremento dei collegamenti su gommato o ferroviario (??- bisogna chiederlo alla ex sen. Orru);

- insistere sulla fusione Birgi> Punta Raisi: fare rete, sistema (meglio il 20% di un euro che il 100% di NIENTE);

- predisporre un piano pubblicitario accattivante per il periodo 20 marzo/ 30 giugno 2020- -coinvolgere gli imprenditori/commercianti interessati: devono partecipare anche finanziariamente e svolgere il proprio lavoro con onestà e impegno; - lanciare il consorzio tra i comuni della G.C. per la metropolitana di superficie Trapani-Alcamo-Punta Raisi-Palermo . Concludo. A mio avviso serve, subito, un gestore qualificato composto da i rappresentanti dei comuni, il responsabile regionale di ffss e rfi, di Italo, di Segesta Atm e Alivision, un delegato del ministero delle infrastrutture( giovanni Catania?) e dell' assessorato Regionale attività produttive, finora IMPRODUTTIVE. Il turista deve esser attratto dal nostro territorio, non gli deve esser imposto per poi scoprirlo.

FACCIAMO SAPERE AL MONDO CHE ESISTIAMO. ED I TURISTI VERRANNO anche se devon atterrare a Punta Raisi.

Peppe Bologna