17/03/2020 17:30:00

Coronavirus, ASMAP associazione attività produttive marsalesi lancia l'allarme recessione

L’emergenza Coronavirus ha avuto un impatto fortissimo sui pubblici esercizi. Un crollo che ha messo in seria difficoltà centinaia di attività cittadine. A lanciare l’allarme è l’ASMAP, l’associazione che riunisce le attività produttive marsalesi.

“La tutela della salute pubblica, ovviamente, è la priorità di tutti. Lo stato di emergenza ha causando un rapido crollo dei fatturati, non solo nel turismo, ma anche di bar e ristoranti, – spiega Francesco Alagna, Presidente ASMAP. Gli staff dei ristoranti e dei bar stanno utilizzando al momento ed, in attesa del Decreto Ministeriale, strumenti come ferie forzate e permessi, fino a che il conto corrente delle aziende lo permetterà. Ancora un paio di settimane in questa maniera, e ci troveremo costretti a fare la conta dei danni”.

"Uno scenario al quale non vogliamo neanche pensare, aggiunge Filippo Licari, Vice Presidente e titolare del Juparanà. La prospettiva non sembra delle più rosee e bisogna mettere in conto l’eventualità di una lunga paralisi del settore. Per questo chiediamo che vengano presi provvedimenti urgenti e chiari che tutelino tutti, imprenditori e lavoratori, per salvaguardare il patrimonio aziendale e quello umano anche a livello locale, conclude Giuseppe Valenti, Segretario e titolare di Villa Favorita.  Abbiamo inviato, nei giorni scorsi, una nota al Sindaco Dott. Alberto Di Girolamo e all’Assessore alle Attività Produttive Arch. Gaspare Passalacqua del Comune di Marsala che, nonostante gli impegni a cui sono chiamati a rispondere in questi giorni, hanno mostrato disponibilità nei nostri confronti e, riconosciuto le difficoltà a cui siamo e saremo chiamati. Ci siamo promessi di incontrarci quando le autorità competenti disporranno misure in tale direzione. Eppur vero che, oltre alla salute dei cittadini, bisogna assicurare la tenuta del nostro sistema economico e produttivo".

I punti che proponiamo devono essere presi in considerazione con la massima urgenza e sono:
1) sospensione dei pagamenti relativi alle scadenze fiscali del 16 Marzo p.v.
2) istituzione di un fondo di emergenza per le imprese in difficoltà;
3) cassa integrazione in deroga con 0 ore senza anticipo per le aziende, che consenta ai dipendenti di non esaurire le ferie;
4) sospensione degli oneri tributari e bancari per i prossimi 12 mesi;
5) mediazione pubblica in una trattativa con i proprietari dei fondi per sospendere il pagamento degli affitti, con conseguente aiuto ai proprietari degli immobili;
5) sospensione delle rate dei mutui e accesso agevolato al credito;
6) sospensione pagamento utenze e tasse comunali (TARI, TOSAP e altri);
7) riduzione per l’anno 2020 della tassa dei rifiuti (TARI) e occupazione suolo pubblico (TOSAP) almeno del 50%
8) defiscalizzazione e decontribuzione rivolta alle imprese ed ai titolari di partita IVA del comparto

Aderiscono all’iniziativa: Ciacco Putia Gourmet, Juparanà, Villa Favorita, Voga, Bar Esmeraldos, Bar Vito ai Canottieri, Pizzeria Luna Rossa, Divino Rosso Ristorante Pizzeria, Bar Alagna, Punto e Pasta, Trattoria Garibaldi, Natura in Tavola, Morsi e Sorsi, ASSUD Cibo da Strada, Trattoria Il Girasole di Paolo La Vecchia, Parrinello Pescheria e Cucina, I Picciotti di Garibaldi, Ristorante Pizzeria Pepe Nero, Panificio Mannone, Bar Oasi,

Per chi vuole associarsi basta inviare una mail a: fra.alagna@gmail.com

L’ASMAP (Associazione Marsalese Attività Produttive) è un’associazione apolitica, indipendente, senza scopo di lucro costituita recentemente. Nasce dalla passione di un gruppo di ristoratori per il proprio lavoro e per il proprio territorio, con un obiettivo comune: promuovere e tutelare il patrimonio enogastronomico ed agroalimentare siciliano di eccellenza, a livello nazionale e internazionale, attraverso la costituzione di una rete di stakeholder e shareholder che condividano gli scopi dell’associazione. L’ASMAP ha altresì lo scopo di tutelare i propri associati, avvalendosi della consulenza di un gruppo di professionisti, per fronteggiare situazioni di difficoltà, come la contingente emergenza legata al Covid-19, così come proporre soluzioni di supporto alla propria categoria, e attività di sviluppo e promozione dell’indotto enogastronomico marsalese.