28/06/2020 06:00:00

Mastro Peppino, u scarparo e a truvatura /5

di Giacomo Laudicina

Quinta parte

A mezzanotte Nzino suonò la campana tre volte. Mastro Peppino e Nardino erano seduti in piazza sulla balata.

Porca la miseria, arre sunau. Ma chi cià ma fari! Si ni palla o prossimu misi, Mastru Pippi. Astura un ci putemu fari chiù nenti.

Si guardarono e senza più dire una parola, facendo gesti di sconforto, si separarono.

Dopo due giorni all’alba, prima di andare a lavorare, vedendo la luce accesa della bottega di Mastro Peppino, Nardino lo andò a trovare.

Nardinu chi successi?

Mi sunnai arre u Beatu Signuri.

Chi dici Nardì cuntami.

Riria, ma risati chi si facia e mi ricia chi sa futteru. E jeo cià dumannava socchu si futteru, e Iddru continuava a ririri e poi mi rispunnia chi si futteru a truvatura.

Ma chi dici, un pò essiri, e tu rissu cu è chi sa pigghiau?

Mastru Pippì mu stava ricennu, mentri me patri m’arruspigghiau pi gghiri a travagghiari.

Mi sta vinennu un presennimentu, Nardì; si unu sa potti futtiri chissu fu u parrinu.

Minchia veru è, sulu iddru era sapituri da truvatura. Mah, ci chiu chi u Beatu Signuri ni voli sfuttiri? ….. Niautri, Mastru Pippì, amà viriri si u misi prossimu a campana sona arrè. …. Si sona arre, amà ciccari di organizzarini, bonu stavota, si un sona chiù, significa chi a truvatura sa futteru veramenti.

La campana non suono più nelle notti di luna piena.

Nzino e Nardino andavano spesso a trovare Mastro Peppino nella sua bottega e il povero uomo ogni volta parlava delle occasioni avute per arricchirsi e che purtroppo avevano perso. In una di queste visite Nardino disse a Mastro Peppino che il prete si era comprato un’auto nuova di grossa cilindrata e che correva voce che si fosse pure comprato due appartamenti in città.

Tu ricia eo, chi fu iddru chi si futtiu a truvatura, e niautri arristamu cu l’occhi chini e i manu vacanti. Ma comu si rici, nautra puvvirenza a manna Diu, o megghiu ancora, si chiuri na porta e si rapi un purtuni.

Mastro Peppino continuava imperterrito a giocare al lotto, anzi dopo il fatto della perdita della truvatura aveva aumentato la consistenza delle giocate. Un giorno la moglie di Mastro Peppino si presentò a casa di Nardino.

Nardinu meu, sugnu disperata, sulu tu mi poi aiutari, me maritu senti sulu a tia. Iddru si joca un saccu di sordi o lotto. Tutti i sordi chi guaragna si joca tutti, eu un sacciu chiù comu a fari. Tu l’ha pissuariri a un jucari chiù.

Dopo avere rincuorato la moglie, dicendo che avrebbe parlato con il marito, Nardino andò a trovare Nzino e gli parlò del fatto e Nzino, pensandoci un po' su, trovò la soluzione.

Cucì, scummettemu chi Mastru Pippinu almeno pi deci’anni un joca chiù o lottu!

Cucì, o solitu semu, sfurni sempri fissari da matina ‘nzina a sira.

Tu ti vo jucari sordi chi Mastru Pippinu, pu ‘npezzu ri tempu un joca chiù.

Viremu, sintemu!

Fammilla sturiari bona e poi emu a parlari cu l’amicu.

Nardino e Nzino il sabato mattina successivo, sapendo che Mastro Peppino si era recato in città, andarono a trovare la moglie.

Signura Vitina, bongiorno, cià ma diri chi attruvamu a soluzione pi un fari chiù jucari a so maritu o lottu.

Macari fussi veru! Ci va fazzu u viaggiu o Santu Patri a peri ‘nterra una vota o misi.

Drintra l’armadiettu rarre u tavulinu c’è un cofaneddru, u pignassi.

La signora prese il cofanetto e l’aprì. I due cugini tirarono fuori l’ampolla e la riempirono di acqua dopo aver preventivamente constatato che era vuota e asciutta e poi la riposero dentro e tolsero via i due rametti di acacia, dicendo alla moglie di non parlare e che sarebbero ritornati nel pomeriggio.

Mastro Pippino, bonasira, stamatina un potti veniri picchì ì a travagghiari. Poi vitti a Nzino e ci cuntai u fattu. Cià ma diri na cosa assai, … assai ‘mportanti.

Sintemu picciotti chi successi?

Mi sunnai arrè u Beatu Signuri chi mi rissi ri nautra truvatura.

Ma chi dici Nardì? Tu rissi eo chi si si chiuri na porta, si rapi un purtuni!!

Veru Mastru Pippì, però era ìncazzatu niuru cu Vossia.

Cu mia? Minchia, …. ma chissu sempe cu mia ci l’avi!!

Ci l’avi cu Vossia picchì i patti unnì manteni,…. picchì continua a jucari o lotto, veru è?

Ma chi dici, …. eo un jucai dra simana chi aviamu a pigghiari a truvatura, poi na vota chi a truvatura sa futtiu dru ra figghiu ri bona matri ri padri paracu, eu continuai a jucari.

Mastru Pippì, unnè veru, picchi Iddru mi rissi chi Vossia jucau puru dra simana. Era incazzatu niuru picchì u pigghiau pi fissa. Ora Vossia na va diri a virità; picchi si verità unnì ni rici, a truvatura niautri na putemu già scurdari. Perciò ora eu ci fazzu na dumanna, a secunnu Vossia comu ma rispunni niautri putemu arricchiri oppuru arristamu sempri appinnuluni. Stassi attentu Mastru Pippì. ….. Dra simana Vossia jucau o un jucau a lotto?

Minchia, ma chissu veramenti tutti cosi sapi! …. Effettivamenti eu dra simana unnì jucai bolletta, però cià retti a jucari a Pippinu Parrineddru, l’autista da correra.

U viri! … E Iddru u sapia Mastru Pippì. E u sapi socchù mi rissi? Chi pi sta minchiata chi cumminau, Vossia a lottu un vinci chiù, mancu si si joca cinquanta numari ‘nsemmula. Mi ricissi na cosa. Di quannu successi u fattu, quantu sordi ha vincitu?

Mancu una lira!!

U viri! Ora si vulemu accaparrarini sta truvatura vossia a va fari u giuramentu. U fa u giuramentu?

E si fazzu u giuramentu putemu pigghiari a truvatura senza problemi?

Mastru Pippì, a truvatura a mia ma fici arrè a viriri e ca un c’è ri cugghiunari, picchi chista è pi tri voti chiù rossa ri chiddra chi era rintra a funtana. E sacciu puru unnì si trova. U voli sapiri unnì si trova?

Mastro Peppino aveva un groppo in gola, pendeva dalle labbra di Nardino e accennò a un si con la testa.

Si trova rintra u Bagghio rintra a tri giarri sutta terra ma si vossia un manteni u giuramentu u sapi l’oru soccu addiventa?

Sco…. Sco… scocci ri ba…ba... babbaluci, Rispose Mastro Peppino farfugliando.

Bravo. Ora u voli fari u giuramento?

Si, si, u vogghiu fari.

Va bene. Pigghiassi l’acqua santa.

L’acqua santa? Ca un ci n’haio acqua santa.

Ci pari a vossia. Pigghiassi u cofaneddru e viremu.

Si alzo e prese il cofanetto. L’ampolla, con grande sbalordimento di Mastro Peppino, era piena d’acqua.

Iddru mi rissi chi sta notti fu cà, ‘ncasa sua.

Mastro Peppino tremava e per la concitazione non si accorse che mancavano i rametti di legno.
Nardino si fece porgere l’aspersorio e l’ampolla.

Si mittissi a ginucchiuni, si facissi u segnu ra cruci e giurassi tri voti chi un joca chiù a lotto sino a quannu un pigghiamu a truvatura.

Mastro Peppino si inginocchiò si fece il segno della croce e giurò tre volte che non avrebbe più giocato al lotto sino a quando non avrebbero preso a truvatura, nel contempo Nardino l’aspergeva con l’acqua.

Nardì, … e quannu ti rissi chi ci putumu iri?

Si Vossia unn’avvissi fattu a minchiata di dra iucata, pigghiannu pi fissa u Beatu Signuri, ci’avvissimu pututu iri puru subbito; …. accussi, pi punizioni, mi rissi chi ci putemu iri tra deci anni.

Minchia, fra deci anni …. e … e significa chi eo un pozzu chi iucari o lottu pi deci anni.

Si, Mastru Pippi, pi deci anni si l’avi a scurdari, picchi si Diu ni scanza ci veni ‘ntesta di jocari o lotto, non è chi l’ammazzu eo chi me manu picchì mi fa svaniri arre a truvatura e Iddru cu fulmina un secunno dopo chi Vossia ioca ….. E u sapi comu? ….. U fa gghiri ‘nfumo no na vampata chi bacchetti che eranu rintra u cofaneddro e chi Iddru mi rissi chi stanotti si pigghiau.

Solo in quel momento Mastro Peppino si accorse che i rametti nel cofanetto non c’erano più e tremando in modo compulsivo, comu na buciareddra, si mise nuovamente in ginocchio facendosi il segno della croce.

U giuru arrè, Nardi, U giuru arrè. Ettami l’acqua santa. Giuru chi un joco chiù, no pi deci anni, ma pi tutta a vita. U giuru….. pi tutta a vita, u giuru….. pi tutta a vita.

Fu così che la moglie di Mastro Peppino si trovò, “per grazia ricevuta”, ad andare in pellegrinaggio una volta al mese e a piedi scalzi, alla chiesa del Santo Padre.

Mastro Peppino mandò a salutare tutti poco prima dei fatidici dieci anni. Una mattina sua moglie lo trovò riverso esanime per terra dietro il tavolino da lavoro.

Fine.



https://www.tp24.it/immagini_banner/1599466341-settembre-2020.gif
https://www.tp24.it/immagini_banner/1600269968-amministrative-2020-consigliere.jpg
https://www.tp24.it/immagini_banner/1600331628-sposa-2021.gif
https://www.tp24.it/immagini_banner/1600780721-amministrative-2020-consigliere.jpg