26/08/2020 17:48:00

La marsalese Anna Grassellino direttrice del centro SQMS. Ecco di cosa si tratta 

Nuovo prestigioso traguardo per la  ricercatrice marsalese del Fermilab, Anna Grassellino. 

Il Department of Energy degli Stati Uniti (DOE) ha infatti finanziato il Superconducting Quantum Materials and Systems Center (SQMS) coordinato dal Fermilab (Fermi National Accelerator Laboratory) di Chicago e guidato proprio da Anna Grassellino.

Cliccando qui potete leggere, in inglese, la comunicazione del Fermilab.

Il finanziamento è di 115 milioni di dollari. Lo scopo è  portare progressi trasformativi nella scienza dell’informazione quantistica. Vi partceipano  20 istituzioni, tra cui per l'Italia l’INFN Istituto Nazionale di Fisica Nucleare , l’unico partner non statunitense del progetto.

Anna Grassellino sarà alla guida del centro di ricerca, che  avrà il compito di sviluppare un computer quantistico d’avanguardia con prestazioni mai raggiunte finora basato su tecnologie superconduttive. Il Centro svilupperà anche nuovi sensori quantistici con importanti applicazioni in fisica fondamentale, in particolare nella ricerca sulla materia oscura e altre particelle esotiche.

“Il Fermilab è entusiasta di ospitare il Centro SQMS e di lavorare con questa eccezionale rete di collaboratori”, commenta Nigel Lockyer, direttore del Fermilab. “Questa iniziativa è in linea con la missione del nostro Laboratorio: ci aiuterà a rispondere a importanti domande sulla fisica delle particelle, e al contempo a contribuire ai progressi nella scienza dell’informazione quantistica, grazie alle nostre competenze e capacità nelle tecnologie degli acceleratori di particelle, come i dispositivi a radiofrequenza superconduttivi e la criogenia”.

“Senza affrontare e superare il problema della decoerenza del sistema quantistico non siamo in grado di costruire computer quantistici che risolvano nuovi problemi complessi”, spiega Anna Grassellino, direttrice del centro SQMS del Fermilab. “Lo stesso – prosegue Grassellino – vale per i sensori quantistici, il cui spettro di sensibilità dovrà permetterci di affrontare questioni da tempo irrisolte in molti campi della scienza”. “Il superamento di questa limitazione cruciale avrà un grande impatto in diversi ambiti, dalle scienze della vita alla biologia, dalla medicina alla sicurezza, consentendo inoltre misure di incomparabile precisione e sensibilità nella scienza di base”, conclude la direttrice del Centro SQMS.

Il Fermi National Acceleratory Laboratory (Fermilab) è uno dei più importanti centri per la fisica delle particelle degli USA e del mondo. 

 

 



https://www.tp24.it/immagini_banner/1602517195-vw-tcross-e-troc-pronta-consegna.gif
https://www.tp24.it/immagini_banner/1601449492-amaro-segesta-ii.gif
https://www.tp24.it/immagini_banner/1602058928-ottobre-2020.gif