×
 
 
24/06/2022 06:00:00

Covid. Dopo due mesi Omicron 5 fa impennare i casi anche in provincia di Trapani

Siamo nel pieno di una nuova ondata di contagi da Covid19. In Sicilia per la seconda settimana di fila i nuovi casi sono in crescita. E in provincia di Trapani i contagi aumentano dopo due mesi di calo costante. Lo indica il bollettino settimanale della Regione Siciliana.
Tornano a crescere i casi ma anche i ricoveri in Sicilia, che registra un più 29% dell’incidenza dei nuovi positivi rispetto a una settimana fa (che già registrava un incremento analogo).
In provincia di Trapani da fine aprile non si registrava un aumento dei nuovi casi, e la spinta di Omicron 5, la variante altamente contagiosa, determina un +13,49% dell’incidenza sulla settimana scorsa, quando si aveva già sentore che la tendenza fosse cambiata (-1%).
Ci sono alcune zone della provincia di Trapani in cui i casi sono aumentati maggiormente. Ad Alcamo, ad esempio, +47%, a Trapani +33%. Mentre si registrano cali a Castelvetrano -9%, a Marsala -10% a Mazara -25%.


I dati settimanali
 
Nella settimana dal 13 al 19 giugno si assiste ad un ulteriore incremento delle nuove infezioni, in linea con la tendenza nel territorio nazionale. L’incidenza di nuovi positivi è pari a 22.349 (+29,07%), con un valore cumulativo di 465,46/100.000 abitanti. Il tasso di nuovi positivi più elevato rispetto alla media regionale si è registrato nelle province di Ragusa (553/100.000 abitanti), Palermo (548/100.000), Catania (545/100.000) e Siracusa (528/100.000). Le fasce d’età maggiormente a rischio risultano quelle tra i 45 e i 59 anni (545/100.000) e tra i 60 e i 69 anni (540/100.000). Anche le nuove ospedalizzazioni aumentano lievemente.

Per quanto riguarda la campagna vaccinale i dati fanno riferimento alla settimana dal 15 al 21 giugno. Nel target 5-11 anni, i vaccinati con almeno una dose si attestano al 27,47%. Risultano aver completato il ciclo primario 72.846 bambini, pari al 23,63%. Gli over 12 vaccinati con almeno una dose si attestano al 90,57% mentre ha completato il ciclo primario l’89,29% del target regionale. I vaccinati con terza dose sono 2.737.260 pari al 72,83% degli aventi diritto. Sono 1.021.374 i cittadini che possono effettuare la somministrazione booster, ma non l’hanno ancora fatta.

Dal primo marzo è iniziata la somministrazione della quarta dose nei soggetti over 12 con marcata compromissione della risposta immunitaria e che hanno già completato il ciclo vaccinale primario con tre dosi da almeno 120 giorni. Dal 12 aprile è stata estesa la somministrazione della seconda dose booster (quarta dose) agli over 80, ospiti dei presidi residenziali per anziani e ai soggetti tra i 60 e 80 anni affetti da condizioni di particolare fragilità. Hanno diritto alla quarta dose i soggetti che hanno ricevuto la terza dose da oltre 120 giorni senza intercorsa infezione da Covid-19. Dal primo marzo sono state effettuate complessivamente 31.300 somministrazioni di quarta dose di cui 22.659 ad over 80.

 

 

Bollettino 38 Del 22 Giugno 2022 by La redazione Tp24 on Scribd

 


Gli ultimi dati siciliani
Sono 4.349 i nuovi casi di Covid19 registrati a fronte di 23.147 tamponi processati in Sicilia secondo il bollettino di ieri.
Il giorno precedente i nuovi positivi erano 3.793.
Il tasso di positività sale al 18,8%, il giorno precedente era al 18,3%.
La Sicilia è al quinto posto per contagi. Gli attuali positivi sono 59.959 con un aumento di 2.341 casi. I guariti sono 3.265 mentre le vittime sono 11 e portano il totale dei decessi a 11.146.
Sul fronte ospedaliero i ricoverati sono 660, 8 in più rispetto al giorno precedente, in terapia intensiva sono 25, uno in più rispetto al giorno prima.
A livello provinciale si registrano a Palermo 1.544 casi, Catania 1.511, Messina 972, Siracusa 434, Trapani 233, Ragusa 366, Caltanissetta 155, Agrigento 314, Enna 88.

 

La situazione in Italia
Impennata dei contagi da Covid-19, con un aumento del +58,9% in una settimana.
Aumentano anche i ricoveri ordinari (+14,4%) e le terapie intensive (+12,6%).
Lo evidenzia il monitoraggio della Fondazione Gimbe per la settimana 15-21 giugno. Si rileva un aumento dei nuovi contagi (255.442) in tutte le regioni italiane. In 105 province si registra un incremento percentuale dei nuovi casi e l'incidenza superiore ai 500 casi per 100.000 abitanti in 16 province. In salita, dunque, gli indicatori ospedalieri con l'area medica che segna un incremento di oltre 700 posti letto Covid in 10 giorni. Calano invece i decessi, che segnano un -19%.