Quantcast
×
 
 
26/11/2022 15:30:00

Giornata contro la violenza sulle donne, l'incontro in Prefettura a Trapani

Ieri in Prefettura di Trapani in occasione della giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne, alla
presenza di numerosi studenti, una giornata di riflessione sul delicato e diffuso fenomeno. Il filo conduttore della giornata è stato il tema del rispetto per se stessi e per gli altri ed il Prefetto Filippina Cocuzza, rivolgendosi ai ragazzi, ha evidenziato l’importanza della cultura del rispetto e la necessità di una inversione culturale soprattutto da parte delle giovani generazioni, attraverso
la quale superare banali, vecchi stereotipi e luoghi comuni nei confronti delle donne che, tuttavia, tuttora permangono, alimentando la cultura della violenza. La violenza può assumere diverse connotazioni, oltre a quella fisica più evidente, altrettanto grave appare quella psicologica, meno visibile, ma che pone la donna in una posizione di soggezione, di subalternità e di totale disistima da indurla a colpevolizzarsi e ad assolvere l’autore della violenza.

Al tema del rispetto ha fatto richiamo anche il Sostituto Procuratore dott.ssa Giulia Signaroldi che ha evidenziato, altresì, gli attuali strumenti giuridici introdotti dalla legge n. 69 del 2019, meglio nota come codice rosso che ha innovato notevolmente inserendo una celerità, mai Prefettura di Trapani Ufficio territoriale del Governo Ufficio di Gabinetto avuta prima, per l’avvio dei procedimenti per maltrattamenti in famiglia, stalking, violenza sessuale. La stessa legge ha inserito anche nuovi reati, quali, ad esempio, il revenge porn, ovvero la diffusione di immagini intime senza il consenso dell’interessato, reato, purtroppo,
molto diffuso tra i ragazzi. Il magistrato ha stigmatizzato anch’essa la dirompenza della violenza psicologica che normalmente precede quella fisica, esortando le ragazze a non consentire alcuna forma di umiliazione e a non cedere ai ricatti psicologici.

Il dott. Giovanni Leuci, Dirigente della Divisione anticrimine della Questura di Trapani ha evidenziato l’evoluzione dell’approccio della Polizia di Stato verso il fenomeno, illustrando gli strumenti di prevenzione volti a contenere la diffusione del fenomeno stesso. In particolare, si è soffermato sul provvedimento di ammonimento emesso dal Questore, che intima all’autore della violenza il richiamo a non reiterare più la condotta violenta. Tale provvedimento ha dato fino ad ora positivi risultati nei confronti dei “maltrattanti”. Al riguardo, è stato citato il Protocollo Zeus che propone un percorso di recupero proprio nei confronti dei maltrattanti, spesso a loro volta anche vittime in passato di violenze per assisterli, tramite esperti, evitando così repliche di comportamenti violenti al momento in cui cessano le misure cautelari, nella convinzione che alla repressione debba sempre
accompagnarsi la prevenzione.

L’Assessore alla Cultura del comune di Trapani, Rosalia D’Alì, nel suo intervento ha evidenziato l’impegno dell’Amministrazione comunale nella rete capillare dei servizi sociali per aiutare le donne vittime di violenza e di una cultura che da generazioni le ha private dell’autostima.

Il Maresciallo dei Carabinieri Sandra Vilardi ha illustrato ai ragazzi l’attività di soccorso, anche psicologico, che l’Arma svolge, unitamente alle altre Forze di Polizia, nei confronti delle vittime di violenza, descrivendo l’importanza della delicata fase dell’ascolto, stimolando così il sorgere di un clima di fiducia, che può portare all’individuazione dei fattori di rischio
predittivi, dei campanelli d’allarme di future violenze, nonché le forme di tutela oggi previste, quali l’accoglienza in strutture ad “indirizzo segreto”, che consentono alla denunciante di allontanarsi dall’ambiente nel quale è maturata la violenza ed evitare ogni forma di ripercussione e ritorsione.

Il dott. Giacalone, Direttore del servizio di psicologia U.O.C. ASP Trapani, ha coinvolto i ragazzi in una breve esercitazione, invitandoli a scrivere in forma anonima i propri sogni. Dalle risposte formulate ha guidato un dibattito, interagendo con i ragazzi, stimolandoli a riflettere sul fenomeno della violenza contro le donne, evidenziando nel contempo “ che in un rapporto d’amore non vi può essere gerarchia e predominanza”. Anche il Commissario Straordinario ASP, tra i presenti, ha voluto contribuire con una pertinente riflessione sulla violenza esercitata in ambito lavorativo.

La celebrazione della giornata è stata arricchita da un’ospite d’eccezione che ha impresso un significato ed un valore aggiunto alle informazioni fornite con dovizia e competenza dai relatori presenti. L’ospite d’onore che ha emozionato ed impreziosito l’incontro è stata Franca Viola, grande donna espressione di questa provincia, insignita nel 2014 dell’onorificenza di Grande
Ufficiale dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana, d’iniziativa del Presidente della Repubblica Napolitano, artefice, ancora minorenne, con il suo coraggio e la sua determinazione di un’evoluzione culturale e giuridica senza precedenti, che ha sfidato le
convenzioni sociali, radicate negli anni ’60, nonché la mafia, rifiutando il “matrimonio riparatore” con un pregiudicato e infrangendo il potere mafioso e la morale dell’epoca. Grazie a lei e al sostegno ricevuto dalla sua famiglia che l’ha appoggiata incondizionatamente nella scelta di rifiutare il matrimonio con colui che l’avrebbe voluta con la violenza, anche per
obbedire a precise logiche mafiose oltre che a quelle morali dell’opeca, si è addivenuti, anni dopo, all’approvazione dell’art 544 del c.p. che “assolveva” l’autore della violenza nel caso in cui (sempre) seguissero le nozze con la persona violata anche contro il volere di quest’ultima.

                                                                              *****

Giornata contro la violenza sulle donne, assessore Albano: «Accordi con le imprese per assumere le vittime» - L’assessore alla Famiglia Nuccia Albano nella Giornata Internazionale contro la violenza sulle donne, ha partecipato al corteo organizzato dal comune di Caccamo che si è concluso davanti alla stele in memoria di Roberta Siragusa, la diciassettenne che nel gennaio del 2021 fu uccisa dal fidanzato e gettata in un burrone. L’assessore, alla presenza dei genitori della vittima, del sindaco della cittadina nel palermitano Franco Fiore e delle autorità, ha posto un mazzo di fiori sul luogo dove venne ritrovato il cadavere.

«Ci muoveremo concretamente su due direttrici, prevenzione e protezione delle vittime» - ha detto Albano, che ha anche annunciato l’installazione, nei prossimi giorni, di una panchina rossa nella sede dell'assessorato di via Trinacria, a Palermo.

«Le vittime – ha poi affermato nel corso di un incontro sul tema della violenza di genere - spesso rimangono sole, con la preoccupazione di denunciare e preferiscono tacere per paura. La Regione, oltre ad aumentare il numero delle case di accoglienza per le vittime e a intensificare, d’intesa con le forze dell’ordine, l’attività dei centri antiviolenza, intende promuovere accordi con le imprese per incentivare le assunzioni di chi ha subito violenza. Così facendo potremo restituire dignità a quelle donne, renderle autonome, libere dalle barbarie che avvengono tra le mura domestiche».

«Bisogna intensificare la presenza e la funzione dei servizi sociali nel territorio - ha aggiunto Albano. Il numero degli assistenti sociali nei distretti territoriali è insufficiente e abbiamo la possibilità di attingere ai finanziamenti dello Stato. Interverrò in sede di Conferenza Stato-Regioni affinché in tutta la Sicilia ci sia un rapporto adeguato, implementando nel territorio queste figure».

«Occorre destinare - ha concluso l'assessore - risorse adeguate alle scuole, affinché aumenti il numero di progetti e di attività orientati al raggiungimento di una maggiore consapevolezza della propria identità di genere, per promuovere una sana relazione e pianificare, pertanto, programmi regionali di intervento negli istituti, in particolare in quelli che ricadono nei territori più fragili».

 



EA2G | 2023-02-02 08:01:00
https://www.tp24.it/immagini_articoli/24-03-2021/1616566080-0-etna-un-altra-eruzione-fontane-di-lava-e-boati-il-video.jpg

Incentivi del PNRR a favore delle imprese turistiche

Dal primo marzo parte il nuovo incentivo per favorire la competitività delle imprese turistiche in un’ottica di digitalizzazione e sostenibilità ambientale. La misura ha una dotazione finanziaria di 1 miliardo e 380 milioni di...

https://www.tp24.it/immagini_banner/1674726256-ascolta-rmc101.gif
https://www.tp24.it/immagini_banner/1675160323-the-art-of-espresso-febbraio.gif
<