Quantcast
×
 
 
04/02/2023 13:00:00

Motovedetta della Guardia Costiera di Trapani rientra dalla missione in Grecia

 Ieri mattina è rientrata nel porto di Trapani la motovedetta CP 330, assegnata alla locale Capitaneria di Porto che da circa due mesi ha svolto attività operativa ininterrotta, avendo navigato per oltre 3.900 miglia nautiche (circa 7.380 chilometri), con 305 ore di pattugliamento nelle acque territoriali greche intorno a Samos, nell’ambito dell’operazione “J.O. Poseidon 2022”, sotto l’egida dell’Agenzia europea Frontex.

L’equipaggio, composto da nove militari della Guardia Costiera di Trapani, oltre ad un militare con abilitazione rescue swimmer, era partito il 25 novembre scorso con destinazione per l’isola greca di Samos, nell’Egeo orientale, dove ha fatto porto base insieme ad altre unità comunitarie impegnate nella stessa missione.

La motovedetta CP 330 è stata impiegata da novembre 2022 a gennaio 2023, compreso il periodo delle Festività natalizie, sia in orari diurni che notturni e spesso anche in condizioni meteomarine particolarmente avverse, svolgendo attività di sorveglianza dei confini, vigilanza sulle attività di pesca e monitoraggio antinquinamento delle acque, relazionandosi costantemente con l’Autorità Marittima greca, in un sinergico rapporto di collaborazione istituzionale finalizzato al soccorso, alla salvaguardia della vita umana in mare ed alla tutela dell’ambiente marino.

Ad accogliere l'equipaggio all'arrivo in porto, presso la banchina militare della Guardia Costiera, il Capo del Compartimento marittimo di Trapani e Comandante della Capitaneria di Porto, Capitano di Vascello Guglielmo CASSONE, che ha voluto sottolineare l'importanza della missione effettuata e la vicinanza a tutto il personale impegnato nella lunga operazione in acque estere.