Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi
22/10/2018 19:23:00

Trapaninphoto festival fotografico, ecco i prossimi appuntamenti

Giovedi 25 ottobre ulteriore evento in programma nell’ottava edizione di TrapanInphoto, festival fotografico organizzato dal gruppo Scatto dell’Associazione i Colori della Vita di Trapani.
Alle ore 21.00 nei locali del Museo d’Arte Contemporanea San Rocco appuntamento per la presentazione del libro RACCONTI JAZZ – Incontri fotografici in 7/8 di Pino Ninfa a cura di Vincenzo Fugaldi; sarà presente l’autore.

In questo sorta di diario personale di Pino Ninfa, fotografo Jazz e viaggiatore instancabile e curioso, rivivono, incontro dopo incontro, le emozioni che hanno creato in noi la leggenda del Jazz e che da sempre seducono scrittori e fotografi desiderosi di ricreare, ognuno con i propri mezzi, l’incanto e la magia della musica e dei volti indimenticabili che la suonano. Da Sonny Rollins a Michel Petrucciani, da Caetano Veloso a Giorgio Gaslini, da Enrico Pieranunzi a Paolo Fresu, i racconti intimi e appassionati del fotografo ci aiutano a comprendere l’energia che può sprigionarsi nell’incontro tra musica Jazz e fotografia.

Pino Ninfa sviluppa progetti sul territorio nazionale ed internazionale legati allo spettacolo e al reportage. L’interesse per la musica e per il sociale hanno fondato il senso complessivo del suo lavoro fotografico. In ambito musicale, ed in particolare nel jazz, da anni ha intrapreso una ricerca volta a considerare come elementi importanti e significativi i luoghi dei concerti insieme al pubblico presente e non solo ai musicisti sul palco.

Da diverso tempo ha incrementato lo studio rivolto al recupero e alla salvaguardia dell’ambiente in cui viviamo con missioni nelle foreste Africane e dell’Amazzonia; segue anche, in diverse parti del mondo, progetti per migliorare le condizioni di vita di persone in difficoltà con particolare attenzione per l’universo femminile. Diverse le ONG con cui ha lavorato,sviluppando progetti di solidarietà, fra cui Emergengy, Amani, Cbm, Cesvi e Prosolidar.