Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi
12/11/2017 20:00:00

Erice, la burocrazia blocca il progetto di un gruppo di dipendenti dell'ex 6GDO Despar

E' una storia di burocrazia e di cattiva gestione quella che vede protagonisti un gruppo di dipendenti dell'ex 6GDO Despar, che hanno costituito un società cooperativa, la CDRGroup, con l'intenzione di aprire un punto vendita e ripartire con il lavoro dopo 4 anni di disoccupazione. Dopo l'assegnazione di un negozio, quello di via San Francesco di Paola ad Erice,  concesso dall'Agenzia nazionale per l’amministrazione e la destinazione dei beni sequestrati e confiscati alla criminalità,  nonostante la gara vinta, il completamento dell'iter, i lavori di sistemazione dopo gli atti vandalici subiti e il ripristino dell'energia elettrica e la guardiania  a loro spese,  il 19 ottobre arriva per la cooperativa la comunicazione di avvio di procedimento di revoca in autotutela dell’assegnazione dell’immobile di via San Francesco Di Paola. Vengono chieste indietro le chiavi e nuove clausole non previste dal bando e tra queste che il punto vendita diventi un “banco alimentare” per i bisognosi del Comune. Il procedimento di revoca dell’assegnazione è stato motivato con un canone d’affitto simbolico che causa un danno economico alle casse comunali. Tra qualche giorno il bene potrebbe potrebbe essere tolto alla Cooperativa.


Ti potrebbe interessare anche: