06/10/2011 09:39:48

Caso Ruggieri nella Giunta Turano, ma lui minimizza: "Solo diversità di vedute"

Tutto nasce dal dissenso di Ruggeri confronti della delibera sugli equilibri di bilancio per il recupero di un milione di euro che era stato stanziato a favore dell’Istituto Tecnico Industriale di Mazara. Ecco cosa ha detto in Consiglio: «Non posso sottacere, qualunque siano le conseguenze di quello che sto per dire, che io questa delibera non l’ho firmata». L’assessore ha aggiunto di averla criticata nel dibattito che si è aperto in Giunta. A suo giudizio il prelievo non poteva gravare esclusivamente sul settore dell’edilizia scolastica.
Il problema è che di questo suo dissenso non c’è traccia nell’atto deliberativo. Lo hanno notato i consiglieri dell'opposizione: «Siamo in presenza di una deliberazione nella quale si è omesso di verbalizzare la posizione di un componente della Giunta. Quest’atto deve essere invalidato». Il segretario generale della Provincia, Enzo Licata, ha detto: «In sede di Giunta l’assessore Ruggieri non ha fatto alcuna affermazione ufficiale o formale. E’ uscito dalla sala ed io non sono tenuto a sapere il motivo dell’allontanamento. Questi sono i fatti». Da quell'episodio si sono diffuse voci su un presunto allontamento di Ruggieri, o sue dimissioni. E' lo stesso assessore a fare chiarezza, ridimensionando l'accaduto, anche se viene da chiedersi quanto può durare ancora questa alleanza anomala Pdl - terzo polo che regge in un clima di coabitazione forzata le sorti della giunta provinciale. Ecco le parole di Ruggieri:

Sostengo l’Amministrazione Turano sin dall’insediamento del Consiglio Provinciale.
Quando, in rappresentanza del PdL, ho accettato la nomina assessoriale, che ha comportato le mie dimissioni da Consigliere, ho sostanzialmente smesso di fare Politica in questo Ente, ritenendo mio dovere privilegiare l’azione amministrativa, peraltro in un ramo, quello della Pubblica Istruzione e dell’Edilizia Scolastica, di cui mi occupo fin dal Giugno 2004, avendo rivestito analogo incarico negli esecutivi guidati da Giulia Adamo e dal Sen. Antonio d’Alì.
E forse questa mia esperienza politico-amministrativa e la mia formazione professionale mi hanno indotto ad attenzionare particolarmente le esigenze dell’Istituto Tecnico Industriale Statale di Mazara del Vallo, certamente bisognevole più di altri di interventi di manutenzione straordinaria e di adeguamento.
Ciò nondimeno, ho condiviso sia in Giunta che in Consiglio la necessità strategica di pervenire alla sottoscrizione dell’aumento di capitale sociale dell’Airgest, essendo il nostro aeroporto indispensabile per lo sviluppo economico del territorio, ritenendo però di dovere evidenziare che sarebbe stato più opportuno acquisire in tutto o almeno in parte le necessarie risorse finanziarie da altri interventi.
Tale mia convinzione derivava dalla cognizione della cogenza dei lavori da effettuare presso detto Istituto, non essendomi peraltro nota, in quanto non trasmessami, la missiva del Dirigente, che, invece, riteneva che la somma di cui trattasi non potesse essere utilizzata entro il corrente anno, per la detta finalità.
Una diversa valutazione tecnico-amministrativa, quindi, informale e serena, ma non una divergenza politica tra me ed il Presidente On. Mimmo Turano, che dal 2008 può contare anche sul mio palese impegno a sostegno della sua amministrazione.
Ed è ovvio che un episodio, puramente amministrativo, evidentemente strumentalizzato da altri, non può certo mettere in discussione il nostro rapporto.
Preciso che in Consiglio sono stato chiamato ad intervenire dal Presidente Poma, dopo ripetuti inviti a chiarimento da parte di diversi Consiglieri, ed anche in tale occasione, credendo sempre utile un costruttivo confronto dialettico sulle scelte amministrative, ho esortato l’Aula al compito che le è proprio, ovvero a destinare successivamente le risorse occorrenti per l’Edilizia Scolastica, ferma restando la convinzione della opportunità di votare la proposta delibera consiliare, che consentiva - come ha consentito - la sottoscrizione da parte della Provincia dell’indispensabile aumento di capitale sociale di cui sopra.
Auspicando che non abbiano a ripetersi strumentalizzazioni politiche e di avere chiarito il mio operato, dettato unicamente dalla convinzione della indifferibilità dell’intervento presso l’I.T.I.S. di Mazara del Vallo, confermo il mio impegno a sostegno dell’amministrazione di cui sono stato chiamato a far parte e nell’interesse primario del territorio.

Avv. Paolo Ruggieri – Assessore Provincia Regionale di Trapani