17/05/2012 16:08:24

Strade impraticabili ad Alcamo. Se ne accorge anche il consiglio provinciale

Il Consigliere Franco Cucchiara (PD), riallacciandosi anche alle precedenti segnalazioni già fatte (alcune risalenti ad oltre due anni fa) sulle conseguenze dei movimenti franosi che da tempo rendono quasi impossibile e molto pericolosa la transitabilità lungo la SP di Passofondo, la SP 47 Alcamo – Castellammare del Golfo e la SP 55 Alcamo – Alcamo Marina, tutte strade molto trafficate ed importanti sia per i flussi turistici che per le attività agricole delle zone interessate, ha sottolineato che nulla è stato ancora fatto anche per quanto riguarda la S.R. “Calatubbo” che, come già segnalato nella seduta consiliare del 12 aprile scorso, in un tratto in linea d’aria distante circa 300 metri dall’omonimo castello, è praticamente sommersa da cumuli di terra e di sfabbricidi che rendono estremamente difficoltoso il normale scorrimento del traffico automobilistico. "Si tratta – ha detto fra l’altro il Consigliere Cucchiara – di una situazione di notevole disagio causato dall’inciviltà di talune persone ma anche dal rimpallo di competenze fra due settori dell’Amministrazione Provinciale (LL.PP. e T.A.) il cui risultato è quello del blocco quasi totale di una strada così importante per il turismo e per l’agricoltura da costituire l’abdicazione, da parte dell’Ente Provincia, ai compiti istituzionali previsti in queste materie dalla Legge Reg.le 9/86. Ma il disinteresse del Presidente della Provincia verso il territorio alcamese – ha commentato Cucchiara – è stato ricambiato con il 5° posto ottenuto nella competizione a Sindaco della sua città".
L’intervento dell’esponente del gruppo del PD è stato poi pienamente condiviso e, per certi versi, reso ancor più critico nei confronti dell’Amministrazione Turano, dal Consigliere Giacomo Sucameli. Per il capogruppo di Alleanza per la Provincia, infatti, per quanto concerne la situazione della S.R. “Calatubbo”, è inammissibile assistere allo scaricabarile di responsabilità fra uffici, al ripetersi di inutili sopralluoghi, ma soprattutto al fatto che il Dirigente del Settore T.A. non riesca a trovare i 2 mila euro occorrenti per togliere i cumuli di terra ed i residui di eternit abbandonati sull’arteria stradale. Sucameli inoltre, nel lamentare la pericolosa fatiscenza della segnaletica stradale lungo la SP Alcamo – Alcamo Marina, si è chiesto se Duilio Pecorella (visti il suo silenzio e la sua prolungata assenza dall’aula consiliare) ricopre ancora la carica di Assessore ed ha stigmatizzato l’ulteriore spesa di 35 mila euro che sarebbe stata autorizzata dall’Amministrazione per depositare, presso una ditta che il Consigliere Sucameli ha definito vicina al Presidente della Provincia, il resto della passerella recuperata dalla Megaservice, con riferimento ovviamente alla passerella per disabili per raggiungere la spiaggia di Alcamo Marina, inaugurata nel mese di agosto dello scorso anno ma poi in gran parte danneggiata dagli avversi eventi meteorici autunnali. Il capogruppo di Alleanza per la Provincia ha inoltre definito inutili le segnalazioni fatte dai Consiglieri in assenza della replica della controparte, cioè degli Assessori, parlando anche di assenza di comunicazione con Palazzo Riccio di Morana. Le accuse di Sucameli nei riguardi dell’Amministrazione e del Presidente della Provincia sono state respinte dall’Assessore Giuseppe Carpinteri il quale, nel rivendicare la propria assidua presenza ai lavori d’aula e la propria massima disponibilità a fornire le risposte richiestegli, ha sottolineato che il livore derivante da fatti personali non deve trasparire negli interventi che si fanno in Consiglio, ma Giacomo Sucameli ha replicato affermando che il suo partito è all’opposizione, che è questo il ruolo che gli compete e ricordando di aspettare ancora le risposte alle richieste da lui avanzate diversi mesi or sono per conoscere, fra l’altro, gli organigrammi e la modalità delle assunzioni eseguite nell’ambito delle società partecipate.