20/04/2016 18:25:00

Santa Maria della Scala, un libro fotografico di Federico Pacini

 Cresciuto in un luogo a forte densità monumentale come Siena e provincia, Pacini posa lo sguardo su ciò che è generalmente trascurato, refrattario alla pervasiva bellezza, talmente abituale e ostentata da diventare vuota retorica. Inquadra prospettive lontane dall'iconografia turistica, dall'immagine/cartolina così inflazionata da disattivare la capacità dello sguardo di elaborare vera conoscenza, di proporre nuove “visioni” che vadano al di la del più stereotipato luogo comune.
Calcando i passi di una tradizione fotografica tutt'ora inesaurita, iniziata da precursori “antieroici” come Atget, nelle fotografie di Pacini la storia (soprattutto quella più eclatante e monumentale) è sempre presente, ma resta sullo sfondo, caratterizza il luogo senza però colmare la percezione e l'immaginario. Il passato glorioso si intravede in secondo piano, mentre nella scena principale recitano il ruolo da protagonisti il presente e il futuro prossimo, capaci di attivare l'attenzione su ciò che ci circonda piuttosto che assopirla con rassicuranti icone predigerite.
I punti di vista fotografati da Pacini, tutt'altro che marmorei, si muovono nell'eterna dialettica tra la storia e la prosaicità del presente, una contrapposizione in grado di dare un senso all'incedere del tempo e alla trasformazione della nostra identità.

(Dall’introduzione di Roberto Maggiori, il libro è pubblicato da Quinlan Editrice)

Federico Pacini (Siena, 1977) ha ricevuto importanti riconoscimenti come la menzione di merito al Premio Hemingway 2014 per il libro Purtroppo ti amo (Quinlan 2013), e il Second place with Honorable Mension IPA 2009 International Photography Awards Lucie Awards (New York, Lincoln Centre) per il libro 00001735.tif. Lo stesso titolo ha ricevuto inoltre il Second place PX3 competiton - Prix de la Photographie Paris, nel 2010. Sue fotografie sono presenti in collezioni pubbliche e private come quelle del Museo Nazionale del Cinema di Torino; Museo di Fotografia Nazionale Alinari, Firenze; Musée de la Photographie, Charleroi; Centro di ricerca e archivio fotografico, CRAF, Lestans; Collezione Banca Monte dei Paschi di Siena.