02/04/2017 09:00:00

"Frontiere occidentali" di Maria Attanasio

 Frontiere occidentali (da Eros e mente, Edizioni La Vita Felice, 1996) di Maria Attanasio, attraverso un canto poetico accompagnato dalle ritmiche percussioni dei darbùka, innova della virgiliana figura di Didone la voce capace di oltrepassare la soglia delle liquide frontiere e costruire un ponte fra l’oriente e l’occidente del nostro comune specchio primigenio: il Mediterraneo.

«Sorgi, vendicatore, dalle mie ossa», aveva gridato la regina di Cartagine contro il perfido Enea fuggito alla volta dell’Italia: una maledizione che segnerà un conflitto ultra-millenario fra le civiltà arroccate sulle opposte sponde. Ma oggi l’eco di quelle parole di odio s’è estinto, i suoi versi sono divenuti una piattaforma che si affaccia sull’alterità, unico mare navigabile per risolvere gli insoluti complessi identitari che ci perseguitano quotidianamente.



 

Una dogana infinita ci separa 

 

un sonno d’alghe

 

un dormiveglia di guerre a Oriente

 

mentre il faro traballante dell’Europa

 

rischiara l’acqua di finta luce

 

dilaziona

 

il ricomporsi del buio alle spalle.

 

Un respirare fitto risale il mare 

 

un dispiegarsi di forme che il vento

 

suscita fra rovine e palazzi

 

spinge verso liquide frontiere,

 

Cartagine roca, inaccessibile,

 

in una notte

 

scandita da martelli pneumatici,

 

stordita dai darbùka.

 


Marco Marino



https://www.tp24.it/immagini_banner/1596609509-dacia-sandero-ago.gif
https://www.tp24.it/immagini_banner/1596638168-aeroporto-palermo-punta-raisi.gif
https://www.tp24.it/immagini_banner/1596438976-saldi-estivi-50.gif