Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi
13/12/2017 09:32:00

Elezioni politiche, si vota il 4 Marzo. La road map fino al voto

 Elezioni politiche, si vota il 4 Marzo. Mattarella dovrebbe sciogliere le Camereproiettando il paese alle urne il 4 marzo senza che il premier Gentiloni rassegni le dimissioni: «semplicemente dichiarerà "esaurito" il suo mandato». Due i precedenti: il governo Amato del 2001 e il governo Berlusconi del 2006. In entrambi i casi le Camere vennero sciolte con un breve anticipo senza che i presidenti del Consiglio dell’epoca si dimettessero. 


La scelta sulla data delle elezioni è caduta sul 4 marzo - a lungo in ballottaggio con il 18 marzo - per due motivi: permettere la candidatura dei sindaci (possono concorrere a un seggio della Camera o del Senato solo se dimettono 180 giorni prima della scadenza naturale della legislatura o - in caso di elezioni anticipate - di almeno 120 giorni, una norma che verrà sospesa solo nel caso di tempi stretti); permettere ai partiti che non sono presenti in Parlamento di raccogliere un numero sufficiente di firme per depositare simbolo e candidati 

Secondo Repubblica Mattarella scioglierà le Camere dopo la conferenza stampa di fine anno di Gentiloni, il 28 dicembre. Secondo il Corriere della Sera succederà invece il 27 dicembre.
 


Ti potrebbe interessare anche: