Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi
22/01/2018 00:25:00

D'Alì e la mafia. Oggi la Cassazione decide

D'Alì e la mafia. Oggi la Corte di Cassazione dovrà decidere se dovrà ricominciare o chiudere il processo che vede il senatore di Forza Italia imputato in concorso esterno in associazione mafiosa. Se il procedimento si dovesse chiudere oggi verrebbero confermate le sentenze di primo e secondo grado, in cui Antonio D'Alì è stato prescritto per i fatti fino al 1994 e assolto per quelli contesti per il periodo successivo. 

I giudici della Corte di Appello hanno accerto la "condotta illecita" di D'Alì fino al 1994, e quindi il reato è stato dichiarato prescritto: "L'imputato ha contribuito con coscienza e volontà al rafforzamento di Cosa nostra, fino ad epoca successiva e prossima al mese di gennaio 1994". Tutto si basa sempre sulla compravendita di un terreno in Contrada Zangara a Castelvetrano, passato dai D'Alì in mano a Totò Riina. La prima elezione al Senato, nel 1994, fu "appoggiata elettoralmente dall'associazione mafiosa", tuttavia, senza alcuna prova di disponibilità di D'Alì a favorire la famiglia mafiosa dei Messina Denaro.

 


Ti potrebbe interessare anche: