Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi
07/07/2018 12:35:00

Trapani, accusato di sostituzione di persona. Assolto dal giudice monocratico

Il trapanese Michele Coviello è stato assolto dal giudice monocratico di Trapani, Roberta Nodari, per non avere commesso il fatto. Era accusato di sostituzione di persona. Coviello per telefono, ha sottoscritto un contratto di fornitura di energia elettrica dichiarando all’Ente gestore di agire per conto di una signora. L'uomo non aveva ricevuto nessun mandato.

Il difensore, però, ha dimostrato l’assoluta buona fede del proprio assistito. Coviello si era messo in contatto con l’Enel per fare un favore ad una terza persona che aveva dato le generalità della donna facendogli credere che si trattava di una persona di famiglia. La buona fede di Michele Coviello sarebbe emersa dal fatto, che quando chiamò l’Enel lo fece con il proprio cellulare il cui numero venne rilevato, fornendo le proprie generalità.

«Cosa che non avrebbe certamente fatto se non fosse stato convinto della legalità della situazione prospettatagli», ha ribadito l’avvocato Angelo, dicendosi soddisfatto per la sentenza, ma sottolineando che «la vicenda giudiziaria ha gettato parecchio discredito su una persona seria e per bene».