08/09/2018 22:00:00

Marsala, Casa di riposo. Nuccio chiede l'istituzione di un tavolo di crisi

 Nei giorni scorsi il consiglio comunale di Marsala è tornato ad occuparsi della situazione dell'IPAB Casa di Riposo "Giovanni XIII"ormai sempre più drammatica. In questi mesi l'istituto è stato al centro  degli approfondimenti della Commissione d'Inchiesta sui Servizi Sociali presieduta da Daniele Nuccio e a seguito di questi controlli, relativi alla condizione attuale, si è palesata la gravissima situazione finanziaria in cui versa l'Istituto, con debiti che ammontano a circa tre milioni di euro.

Il presidente della commissione Nuccio invita tutte le istituzioni interessate ad impegnarsi a dare delle risposte certe ai lavoratori dell'Istituto, i quali continuano ad operare seppure vantano in alcuni casi oltre quaranta mensilità di stipendi arretrati. 

"Consapevoli che l'auspicabile soluzione ai tanti problemi in essere non può essere esclusivo appannaggio dell'Ente Comune ma che questa deve ricercarsi in una sinergia che metta insieme diverse realtà - afferma Nuccio -  si impegna l'Amministrazione Comunale a predisporre tutti gli atti necessari affinchè si istituisca con carattere d'urgenza un "tavolo di crisi" volto a definire determinate strategie risolutorie e che coinvolga le seguenti figure: Sindaco della Città di Marsala e Assessore alle Politiche Sociali Città di Marsala; Presidente del Consiglio Comunale di Marsala;Segretario Generale Comune di Marsala; Assessorato Regionale della famiglia, delle Politiche Sociali e del Lavoro; Presidente Commissione Consiliare Politiche Sociali; Presidente Commissione d'Inchiesta sui Servizi Sociali; Capigruppo consiliari;Commissario Straordinario IPAB; Deputati regionali della Città di Marsala;Rappresentanza sindacale dei lavoratori.

 "Il mio più sentito ringraziamento e l'abbraccio più sincero va ai lavoratori dell'IPAB - dichiara Nuccio - che con grande senso di responsabilità e grande dignità continuano ad operare al servizio degli anziani degenti della struttura.
Insieme ai colleghi della Commissione d'Inchiesta che presiedo ed unitamente a tutto il Consiglio Comunale oggi proponiamo semplicemente un metodo. E' finito il tempo dei proclami rassicuranti, strumentali e funzionali semplicemente a rimandare nel tempo una soluzione definitiva al problema. La Casa di Riposo di Marsala, così come la gran parte delle IPAB in Sicilia, versa in una gravissima condizione di crisi e sommersa da debiti. Se una soluzione va trovata questa non può prescindere da una completa assunzione di responsabilità da parte di tutti gli operatori in causa. La Regione faccia la sua parte. Il Sindaco faccia la sua parte. La politica oggi, superati gli slogan da campagna elettorale, si schiera senza se e senza ma con i lavoratori - conclude il consigliere comunale - con quelle madri e padri di famiglia che non sanno come arrivare a fine mese, anello debole di una storia che di fatto è immorale. Non c'è tempo da perdere, purtroppo".