Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi
12/10/2018 10:23:00

Evade dai domiciliari per minacciare un uomo, arrestato a Trapani Alberto Cangemi

 Evade dai domiciliari, per andare ad aggredire e minacciare un uomo, in pieno centro storico a Trapani. E' stato arrestato dalla polizia Alberto Cangemi, nato nel 1986.  Ecco il comunicato stampa della Questura:

Non conosce soluzione di continuità l’opera di contrasto alla microcriminalità messa in campo da personale dell’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico – Squadra Volante – della Questura di Trapani.

Nel corso dell’ordinaria attività di controllo del territorio, veniva tratto in arresto CANGEMI Alberto, trapanese, classe 1986, conosciuto per i suoi trascorsi giudiziari, evaso dalla propria abitazione ove stava scontando una pena inflitta dal Tribunale di Trapani.

Nei fatti, nel pomeriggio di lunedì gli agenti della volante, chiamati ad intervenire per una richiesta di aiuto pervenuta sulla linea di emergenza 113, raggiungevano un’angusta viuzza del centro storico ubicata nell’antico Quartiere “San Pietro”, ove un uomo era stato minacciato dal predetto CANGEMI Alberto, il quale incurante dell’obbligo impostogli, aveva lasciato la sua abitazione con il fine unico di aggredire e minacciare il suo rivale.
Alla vista dei poliziotti il CANGEMI Alberto si dava alla fuga tra le viuzze del Quartiere, ma dopo un rocambolesco inseguimento veniva bloccato, prima di riuscire a raggiungere la sua abitazione.
Fatta chiarezza su quanto si era verificato, il CANGEMI Alberto veniva tratto in arresto e posto a disposizione dell’A/G che dopo la convalida dell’arresto disponeva la prosecuzione degli arresti domiciliari con l’applicazione del c.d. braccialetto elettronico.