Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi
25/10/2018 17:11:00

Marsala, gli alunni della Media Pipitone partecipano al Pon "Promossi Cittadini Europei"

La Scuola media “V. Pipitone” di Marsala sta partecipando al progetto P.O.N. FSE - Inclusione sociale e lotta al disagio “Promossi cittadini europei” con le classi I E, II E, III E, I D, III F, II H. Il progetto, già in corso e curato dalle docenti Liliana Sortino ed Egidia Occhipinti, si concluderà con un convegno di chiusura lavori, martedì 13 novembre 2018 presso il Complesso Monumentale San Pietro. Le attività didattiche si articolano in due momenti fondamentali: incontri con enti esterni (Capitaneria di Porto, Ufficio stranieri, Comune di Marsala, Dogana, Monopoli di Stato, Tribunale di Marsala, Polizia di Stato) e restituzioni in classe, dove gli alunni realizzano prodotti multimediali (video, presentazioni, ipertesti) a documentazione delle visite.

Alla conclusione dei lavori gli alunni che partecipano al progetto diventeranno a loro volta insegnanti dei loro compagni più piccoli della scuola primaria, in un più ampio concetto di ricaduta didattica e continuità. 

L’obiettivo prioritario che ci siamo posti è di promuovere la conoscenza del concetto di cittadinanza europea nelle studentesse e negli studenti del nostro istituto - il commento del dirigente scolastico Francesca Pantaleo -  per consentire una partecipazione attiva alla vita sociale e comunitaria. Sviluppare una maggior consapevolezza riguardo a possibilità di studio e, in futuro, anche di lavoro, in una dimensione europea e non soltanto italiana. Favorire l’inclusione e la conoscenza delle differenze culturali presenti nel nostro territorio. Sviluppare la costruzione dell’identità europea attraverso lo scambio e l’approfondimento dei contenuti relativi all’essere cittadino dell’Unione Europea, attraverso la conoscenza delle attività e gli incarichi rivestiti dalle diverse istituzioni attraverso le visite ed il dialogo conoscitivo con gli operatori dei vari settori”.

Il progetto, dal punto di vista metodologico - continua la Prof.ssa Liliana Sortino - può essere considerato altamente innovativo, in quanto i contenuti informativi digitali verranno costruiti dai ragazzi in modalità di Cooperative Learning, in gruppi eterogenei. Gli incontri didattici, dal punto di vista metodologico, verranno condotti attraverso l’alternanza delle più diffuse tecniche formative e di gestione di un’aula multimediale, per agevolare e facilitare la partecipazione attiva agli incontri con apporto di contributi tratti dall’esperienza personale dei ragazzi ed arricchita dalla condivisione e dal confronto, attraverso la contestualizzazione socio-culturale del nostro territorio”.

Con questo progetto - conclude la prof.ssa Egidia Occhipinti - si intende trasferire e rafforzare i valori europei relativi alla storia, alla cultura, alla società e alle lingue. L’obiettivo principale è far sì che gli alunni, implementando la conoscenza dell’Europa e dell’Unione Europea, acquisiscano una formazione che li aiuti nell’arco della propria vita. Le competenze chiave da promuovere saranno realizzate attraverso lezioni svolte nell’Atelier multimediale della scuola media “V. Pipitone”, per preparare presentazioni e video relativi agli argomenti svolti. Questi lavori verranno pubblicati sul sito della scuola e verranno presentati durante momenti formativi di condivisione. Le istituzioni coinvolte, promotori dei valori di cittadinanza europea, collaboreranno nella stesura di attività didattiche volte a sviluppare parallelamente i contenuti fondamentali della cittadinanza europea e l’acquisizione delle competenze linguistiche culturali al fine di implementare una comune identità europea”.

Tra le foto che potete vedere nella gallery  anche un momento della visita alla dogana con la dott.ssa Anna Maria Coddretto e l’ing. Vito Bellomo, e alla distilleria “Bianchi” dove si è approfondito il tema delle accise e dazi, grazie alla disponibilità mostrata dalla azienda “Bianchi” nelle persone di Claudio e il papà Giuseppe che, insieme al mastro distillatore Enzo Ippolito, hanno instaurato un dialogo sentito e a tratti emozionante, al fine di trasmettere la passione per il lavoro con tutti gli oneri ed onori che esso comporta.

“Il nostro show room e la nostra azienda - il commento di Claudio Bianchi - sono aperti al pubblico sia per la vendita dei prodotti (Grappe Bianchi, Marsala Mirabella e Amaro Segesta) ma anche per visite didattiche e per eventi culturali programmati. Uno dei nostri nostri progetti già in cantiere è la creazione di un piccolo spazio museale che abbraccia un'epoca che va da John Woodhouse, non dimentichiamo che la nostra sede è il famoso Baglio Woodhouse, a mio nonno Leone Bianchi con le famosi Torri Vinarie e l'enodotto”.