12/11/2018 12:10:00

A Marsala un'iniziativa di informazione e protesta contro il Muos

Il circolo Arci Scirocco e il movimento No Muos di Marsala tornano ad occuparsi della mega antenna nel cuore della Sicilia con l'organizzazione di un momento di informazione e sensibilizzazione dei cittadini. Il Consiglio di giustizia amministrativa per la Regione Sicilia, nei giorni scorsi si è riunito per decidere se confermare o meno la sentenza emessa dallo stesso Consiglio nel 2016, che ha sbloccato l’attività delle antenne.

"Vogliamo che i siciliani mantengano sempre alta l'attenzione sui propri territori contro i sempre più pressanti processi di militarizzazione che mirano a trasformare l'isola in un vero e proprio laboratorio di guerra e determinano effetti devastanti a danno dell'ambiente e della salute dei cittadini - le parole dei rappresentanti delle due associazioni -. A sette mesi dall'insediamento il nuovo Governo nazionale - continuano - non solo non ha accennato minimamente a prendere una posizione reale contro il Muos ma, in piena continuità con il governo precedente, persegue un piano autorizzativo che prevede nuovi lavori presso la base di Niscemi".

"Questa lotta è importante anche per i Marsalesi - continuano gli organizzatori dell'iniziativa - già esposti alle radiazioni del radar di contrada Perino e i 200 km, che in linea d’aria distano da qui a Niscemi, non ci mettono al sicuro dalla minaccia del MUOS. Non vogliamo assolutamente sporcarci le mani di sangue per una guerra che non vogliamo, per i giochi di potere dei potenti. Esigiamo lo smantellamento del Muos con i fatti e non con le parole, difendiamo il diritto alla salute dei cittadini e dell'ambiente, proteggiamo la nostra Sicilia da chi la vuole deturpare e contaminare, rivendichiamo  - concludono Arci Scirocco e No Muos - il diritto all'autodeterminazione da parte del popolo sulla propria terra".