Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi
05/12/2018 19:19:00

Ruba in un'antica villa di Via Vespri, arrestato a Trapani un ragazzo di 19 anni

Ruba in un'antica villa di Via Vespri, arrestato a Trapani un ragazzo di 19 anni.

Continua incessantemente l’attività di prevenzione generale e controllo del territorio da parte della Polizia di Stato di Trapani, che nella giornata di sabato 1 dicembre u.s., ha tratto in arresto il giovane trapanese SALERNO Emanuele, classe 1999, autore di un furto all’interno di una antica villa in stile Liberty, ubicata nella centralissima via Vespri.


Nei fatti, gli agenti dell’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico – Squadra Volante, intervenuti su segnalazione giunta sulla linea di emergenza 113 per ladri in azione, riuscivano ad intercettare nelle immediate vicinanze della predetta villa il SALERNO Emanuele, il quale, alla vista della polizia, tentava la fuga.

Dopo un rocambolesco inseguimento a piedi il giovane veniva bloccato dai poliziotti, che riuscivano anche a recuperare la refurtiva, costituita da un’ingente quantità di componentistica in rame.

Il complice dell’arrestato, che in un primo momento riusciva a dileguarsi, veniva bloccato circa un’ora dopo.

Quest’ultimo, rispondente al nome di BERTINI Antonino classe 1995, ad esito di specifica attività d’indagine, veniva denunciato alla medesima Autorità Giudiziaria, in concorso con il SALERNO Emanuele.

Dopo le formalità di rito, il SALERNO Emanuele veniva condotto presso il proprio domicilio in regime di arresti domiciliari, per poi essere giudicato con il Rito direttissimo durante il quale il Giudice del Tribunale di Trapani, gli applicava la misura cautelare dell’obbligo di dimora in questo Comune.