Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi
26/03/2019 12:42:00

Omicidio Nicoletta. Carmelo Bonetta non è stato picchiato al carcere di Trapani

 Non è stato picchiato a sangue, non è stato malmenato dagli altri detenuti, Carmelo Bonetta, il 34enne, reo confesso dell'omicidio di Nicoletta Indelicato, che si trova al carcere di San Giuliano a Trapani.


La Polizia Penitenziaria smentisce fatti di aggressione nei confronti di Bonetta, come invece sostenevano alcune voci incontrollate circolate anche sui social. La Polizia Penitenziaria precisa che Bonetta è sorvegliato, ed è tutto in ordine. Non è neanche lui l'uomo deceduto nel carcere di Trapani, come molti hanno pensato.


Bisogna dire che il carcere di Trapani è preparato per detenere questo genere di persone accusate di omicidi efferati. Al carcere San Giuliano è stato anche rinchiuso in passato anche Salvatore Savalli, condannato all'ergastolo, insieme all'amante, per l'omicidio della moglie Maria Anastasi uccisa all'ottavo mese di gravidanza.


L'altra arrestata per l'omicidio di Nicoletta Indelicato, avvenuto a Marsala la notte tra il 16 e il 17 marzo, è Margareta Buffa, detenuta al Pagliarelli di Palermo.