12/05/2019 12:04:00

Marsala, scuola gli nega l'assistente. Bambino autistico non va in gita

 Resterà a casa, non andrà in gita con tutti i suoi compagnetti, Carlo, un bambino autistico di Marsala. Motivo? La dirigente della scuola non ha dato l'ok alla presenza dell'assistente all'autonomia e alla comunicazione.


Poteva essere una giornata felice, quella di domani, per un bambino di seconda elementare di Marsala affetto da autismo. Una gita, di un giorno, fuori porta a Menfi, come fanno in molte scuole in questo periodo. Ma all'ultimo la dirigente del plesso Casazze della scuola “Stefano Pellegrino” ha detto che con il bimbo e la mamma non poteva essere presente alla gita l'assistente all'autonomia e alla comunicazione. Una figura importantissima per i bambini affetti da autismo, una figura che sta vicino al bambino e che, come anche stabilisce la legge, aiuta nell'inclusione scolastica. Inclusione scolastica ma anche sociale, come può essere la partecipazione ad una gita di un giorno insieme a tanti altri bambini.


La scuola però ha negato la partecipazione dell'assistente all'autonomia e alla comunicazione senza dare chiare spiegazioni. La dirigenza avrebbe detto che la scuola non avrebbe i soldi, 25 euro, per pagare la quota all'assistente. Altri assistenti prenderanno parte alla gita di domani, ma non quello di cui ha bisogno il bambino autistico per sentirsi a suo agio, non l'assistente con cui è molto legato.
Per la mamma sarebbe stata impossibile la partecipazione alla gita del bambino senza il suo assistente, per questo motivo ha preferito non farlo partecipare. Ecco cosa scrive su Facebook denunciando l'accaduto:
“Come mamma di un bambino disabile, di un bambino speciale, non chiedo privilegi ma solo pari opportunità. Non sono stata convocata e non mi è stato spiegato il perché di questa decisione, appresa in enorme ritardo, non avendo la possibilità di avere interlocutori a cui chiedere chiarimenti. Lunedì mattina i suoi compagnetti andranno in gita con la gioia di riempire vita e zainetti di questa nuova esperienza, il mio bimbo da un po’ di giorni mi mostra il suo zainetto che avrebbe dovuto accompagnarlo in gita...ma probabilmente il suo di zainetto rimarrà vuoto, come vuoto rimarrà il suo sorriso lunedì, a malincuore se non avrò risposta sarà privato di questa piccola grande gioia”.