Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi
14/05/2019 11:54:00

Marsala, tenta di rubare un'auto...spingendola con l'aiuto di due passanti

 Tenta di rubare un'auto, e che auto, una Fiat 600, spingendola, facendosi anche aiutare da due ignari giovanotti che passavano da lì per caso. Un uomo è stato arrestato dai Carabinieri, che lo hanno sorpreso durante un giro di controllo del centro storico, richiamati da un uomo che dal balcone di casa stava assistendo alla scena. L'arrestato si chiama Giuseppe Colletti, è nato nel 1991. Ecco cosa scrivono i Carabinieri: 

I Carabinieri della Compagnia di Marsala, nel corso della settimana appena trascorsa, hanno rinforzato i servizi di controllo del territorio.

Nello specifico, i militari della Sezione Radiomobile, diretta dal Luogotenente Antonio Pipitone, hanno tratto in arresto COLLETTI Giuseppe, classe’91, poiché sorpreso ad asportare una Fiat 600 in pieno centro cittadino. Il COLLETTI, nella circostanza, non riuscendo da solo a mettere in moto la vettura, approfittava del transito a piedi di due giovani per chiedere loro un aiuto a spingere il mezzo, fingendo problemi di accensione. Ignari del disegno criminoso del COLLETTI, i due giovani si rendevano disponibili ad aiutarlo, restando del tutto sorpresi dall’arrivo dei Carabinieri, nel frattempo allertati da un residente, che provvedevano immediatamente a bloccare l’uomo. Condotto presso la caserma Silvio Mirarchi di Marsala, il COLLETTI veniva dunque tratto in arresto per furto aggravato. In sede di convalida, il giudice lilybetano, concordando con l’operato dei militari dell’Arma, convalidava l’arresto e disponeva per lo stesso la custodia cautelare presso il carcere di Trapani.