Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi
09/06/2019 08:00:00

A Gibellina la terza edizione di Scirocco Wine Fest

Il vino di sette Paesi del Mediterraneo unisce popoli e culture a Gibellina in occasione di Scirocco Wine Fest, la rassegna promossa dal gruppo Cantine Ermes -Tenute Orestiadi, una delle realtà più rappresentative tra le aziende vitivinicole siciliane in collaborazione con l’agenzia di comunicazione palermitana Feedback. Degustazioni di vini e specialità gastronomiche mediterranee, master class, sfide di cucina, cooking show, ma anche spettacoli e incontri culturali animeranno la cittadina da giovedì 27 a domenica 30 giugno.

L’arte e la cultura del vino sono il filo conduttore per una rassegna, alla terza edizione, che tocca l’anima mediterranea affiancandole la tradizione gastronomica di un territorio profondamente colpito dal terremoto del 1968 e simbolo di rinascita. Simbolo dell’iniziativa è lo Scirocco, il vento che rappresenta il mare Nostrum come un filo rosso che “unisce” i popoli che lo vivono e permea le culture che ne sono toccate.

“Il progetto nasce tre anni fa - ha spiegato Rosario Di Maria, presidente del gruppo Cantine Ermes – Tenute Orestiadi - con la volontà di proseguire sul percorso di cultura e dialogo già tracciato da Ludovico Corrao, ma in un’ottica nuova, assolutamente coerente con l’identità aziendale, composta dal legame con la nostra terra e, ovviamente, dal vino. Così ci è venuto in mente di realizzare un festival incentrato sul vino, vissuto come filo conduttore tra i Paesi del Mediterraneo, accomunati anche dallo Scirocco, con l’obiettivo finale di mantenere Gibellina centro culturale a livello internazionale e di valorizzare un prodotto dall’incredibile potere aggregante: il vino”. Ogni sera saranno in degustazione i vini di sette Paesi ospiti della rassegna - Francia, Grecia, Italia, Malta, Spagna, Tunisia e Turchia – in abbinamento a tante specialità mediterranee a cura di Sanlorenzo Mercato. Dal venerdì alla domenica i wine tasting, a cura di Cronache di gusto, permetteranno di scoprire l’affascinante e complesso mondo del vino, mentre i cooking show vedranno protagonisti grandi chef siciliani come Vincenzo Candiano, due stelle Michelin, del ristorante La Locanda di Don Serafino di Ragusa Ibla e Natale Giunta, ospite fisso della trasmissione "La Prova del cuoco". Gli appuntamenti saranno condotti da Federico Quaranta, volto di Rai1.

“Gibellina, luogo d’arte e cultura – ha detto Salvatore Sutera, sindaco di Gibellina - è la cornice adatta ad ospitare una rassegna come questa che vuole essere l’occasione per scoprire questo meraviglioso territorio”.

In occasione del festival sarà possibile, infatti, conoscere meglio il patrimonio artistico e culturale della cittadina: porte aperte tutti i giorni alla Fondazione Orestiadi, al Museo delle Trame Mediterranee dove sono allestite fino al 21 luglio le mostre di Rachid Koraichi e di Dan Iroaie e l’installazione Suvenir di Francesco Impellizzeri, la Cantina Tenute Orestiadi e il suo Barriques museum.

Spazio anche a due grandi appuntamenti con scrittori e poeti del Mediterraneo: venerdì 28 giugno la presentazione del libro di Maria Attanasio “La ragazza di Marsiglia” (Sellerio) con Felice Cavallaro e sabato 29 l’incontro con Francesca M. Corrao e Aldo Gerbino che presenteranno il libro “In guerra non mi cercate” (Le Monnier) a cura di Oriana Capezio, Elena Chiti, Francesca M. Corrao, Simone Sibilio.

Un percorso di spettacoli originali, dedicato alle culture del Mediterraneo, animeraĚ€ le serate dell’evento. Si comincia giovedì 27 giugno con “In vino veritas”: sette storie, sette vini, sette paesi per raccontare il Mediterraneo, una degustazione-spettacolo con la partecipazione di Marcello Mordino, letture di Silvia Ajelli e musiche eseguite dal vivo da Chris Obehi, Dario Sulis e Francesco Cusumano; al termine lo spettacolo di Roberto Lipari. VenerdiĚ€ 28 protagoniste le sonorità del Mare Nostrum interpretate da tre cantautori: Eugenio Bennato, Mario Incudine e Alessio BondiĚ€. Sabato 29 va in scena la "Festa tra cielo e terra: libiamo ne' lieti calici", una parata-spettacolo tra musica, fuoco e acrobazie con la regia di Alfio Scuderi: la danza del fuoco di Cinzia Cona, le coreografie aeree di Vera Mormino con la partecipazione musicale di La Bottega delle Percussioni di Santo Vitale e gli Akkura. Domenica 30 gran finale con Cesare Bocci e Paola Turci, ospiti del premio Stella della Pace- Ludovico Corrao, organizzato dal Comune di Gibellina.