Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi
11/06/2019 13:00:00

Incendiava rifiuti a Paceco. Arrestato dai Carabinieri

 Rifiuti di ogni tipo, plastica, materassi, mobili. Scaricati in un terreno e poi incendiati. E' stato sorpreso così, ancora a bordo di un camion, Francesco Incarbona, trapanese classe 95, dai Carabinieri a Paceco.


L'uomo è stato arrestati dai militari dell'arma mentre dava alle fiamme i rifiuti, fortunatamente i carabinieri sono intervenuti in tempo e hanno scongiurato conseguenze disastrose vista la presenza di sterpaglie e il forte vento di scirocco. Ecco la nota dei Carabinieri con tutti i dettagli di quanto accaduto.

Nella tarda serata di ieri, 10 giugno c.a.  i Carabinieri della Stazione di Paceco, diretti dal Luogotenente Michele Manzo, nel corso di un mirato servizio hanno tratto in arresto, per l’attività di gestione di rifiuti non autorizzata, INCARBONA FRANCESCO, trapanese cl.95, disoccupato, con precedenti di polizia.
Nello specifico, i militari durante un servizio appositamente predisposto al fine di contrastare l’abbandono di rifiuti e il degrado ambientale, all’altezza della contrada Gallo Cantello, notavano l’INCARBONA a bordo di un autocarro intento a scaricare e quindi a incendiare alcuni rifiuti in plastica, materassi, pezzi di mobili e vari.
Il tempestivo intervento dei militari dell’Arma scongiurava delle conseguenze disastrose vista l’altezza delle fiamme data dalla grande quantità di materiale gettata dal ragazzo posizionata in una macchia di terreno piena di sterpaglie a vegetazione dato anche il forte vento di scirocco presente nella giornata di ieri.
Colto nella fragranza del reato,l’uomo veniva accompagnato presso gli uffici della Stazione Carabinieri dove, al termine delle formalità di rito, veniva dichiarato in stato di arresto e sottoposto agli arresti domiciliari presso la propria abitazione, così come disposto dall’Autorità Giudiziaria competente che, nella mattinata di oggi, ha convalidata l’arresto nel corso nell’udienza di rito direttissimo.
Tali controlli saranno certamente ripetuti al fine si assicurare il rispetto della legge e tutelare la salute dei cittadini.