Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi
12/06/2019 13:07:00

Pesce non registrato. I Carabinieri multano un'azienda di Erice

 15 tonnellate di scarti di pesce non stoccati regolarmente e altri prodotti alimentari non registrati. E' quanto hanno scoperto i Carabinieri del servizio navale presso una dittta di lavorazione di prodotti ittici ad Erice. I controlli sono stati effettuati ieri, e per l'azienda di lavorazione del pesce è scattata una pesante sanzione di 6 mila euro. Ecco i dettagli.

Nella giornata di ieri, 11 giugno 2019, i Carabinieri del servizio navale effettivi alla Motovedetta CC 811 “Pignatelli”, nel corso di un mirato servizio di polizia marittima a terra, finalizzato al contrasto delle violazioni in materia di norme sanitarie relative ai sottoprodotti di origine animale ed a tutela dell’ambiente marino, effettuavano un controllo presso di una ditta di lavorazione di prodotti ittici sita in Erice.
Nel corso dell’accesso ispettivo, i militari rinvenivano all’interno della cella di stoccaggio dei sottoprodotti, circa 15 tonnellate di scarti di pesce, verosimilmente di tonno, non appositamente registrati in idoneo documento di carico ed, inoltre, non risultava documentato lo scarico di altri sottoprodotti alimentari nel citato registro.
Per tali motivi, i militari operanti contestavano una sanzione amministrativa pari a € 6.000,00.
La presente si configura come parte integrante dell’attività di controllo svolta dai Carabinieri su tutto il territorio provinciale al fine di tutelare la salute pubblica e, in questo caso specifico, anche la sicurezza della catena alimentare, degli animali e dei mangimi, composti proprio da sottoprodotti di origine animale non destinati al consumo umano come quelli rinvenuti durante il controllo.