Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi
09/08/2019 18:20:00

Due ragazzini trapanesi rubano un motorino a San Vito Lo Capo. Arrestati dai carabinieri

Due minorenni trapanesi rubano un motorino e San Vito Lo Capo e vengono intercettati e bloccati dai carabinieri di Custonaci, nei pressi di Bonagia, a bordo di due scooter diversi,

tra i quali quello appena rubato. I due colti in flagranza di reato per furto aggravato, sono stati rinchiusi presso il centro di prima accoglienza per minori "Malaspina" di Palermo. Qui i dettagli nel comunicato dei carabinieri: 

Nella giornata di ieri, 8 agosto 2019, i Carabinieri della Stazione di Custonaci, hanno tratto in arresto in flagranza di reato per furto aggravato, resistenza a Pubblico Ufficiale, violenza o minaccia a Pubblico Ufficiale e danneggiamento, due minorenni, cl. 2002 e 2005, entrambi trapanesi e con precedenti di polizia per reati contro la persona e il patrimonio.
Nello specifico, i militari operanti stavano svolgendo un servizio di controllo del territorio, quando la locale Centrale Operativa comunicava loro che si era appena perpetrato il furto di un motorino, parcheggiato sulla pubblica via in San Vito Lo Capo. Fortunatamente la vittima, che si era accorta nelle immediatezze del furto, era in grado di fornire la descrizione dei due rei che si erano poi allontanati dal luogo del misfatto, ognuno a bordo di un ciclomotore, tra cui quello appena rubato.
La pattuglia si metteva, quindi, sulle tracce dei giovani e, percorrendo delle strade secondarie, riusciva ad intercettarli nella frazione di Bonagia.
Un volta fermati e sottoposti ai controlli del caso, i due minori venivano trovati in possesso di arnesi atti allo scasso che venivano posti sotto sequestro, mentre il ciclomotore rubato veniva immediatamente restituito all’avente diritto.
Stante la flagranza di reato, i due minorenni venivano dichiarati in stato di arresto, tuttavia, improvvisamente, uno dei due giovani perdeva il controllo iniziando ad inveire ed a minacciare tutti i presenti oltre che a dimenarsi violentemente nel tentativo di liberarsi e di colpire i militari. Una volta riportato alla calma il minorenne, e concluse le formalità di rito, entrambi gli arrestati venivano tradotti presso il Centro di Prima Accoglienza per minorenni “Malaspina” di Palermo, così come disposto dalla Autorità Giudiziaria competente.