Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi
11/08/2019 08:40:00

Sicilia: scoperto un gruppo Facebook dove venivano segnalati i posti di blocco

 Un gruppo Facebook per segnalare i posti di blocco delle forze dell'ordine, aveva circa 40mila membri, ed operava in Sicilia. Sono state  denunciate due persone per interruzione di pubblico servizio. 

Avevano creato su Facebook un gruppo, con 40 mila utenti, in cui venivano segnalati i posti di blocco istituiti dalle forze dell’ordine a Catania e in provincia. Con questa accusa, la Polizia etnea ha denunciato a piede libero due persone di 31 e 50 anni. Entrambi sono ritenuti responsabili di interruzione di pubblico servizio. Le indagini erano nate dopo che la Polizia Postale aveva ricevuto una segnalazione in merito all’esistenza sul social del gruppo denominato "Posti di blocco Catania". Una pagina molto seguita, tanto da arrivare a contare circa 40.000 iscritti. Nel gruppo ogni utente poteva segnalare eventuali posti di blocco e di controllo delle forze dell’ordine istituiti nella provincia etnea. A conclusione delle indagini la Polizia ha quindi identificato i due amministratori.