Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi
11/08/2019 09:22:00

Sicilia, turista fa pipi sul ciglio della strada ... e si prende una multa da 3000 euro

 Fa pipì sul ciglio della strada e si becca una multa da 3.333 euro. Accade in Sicilia, ad un turista in visita alla Scala dei Turchi, da poco riaperta al pubblico (ne parliamo in un articolo qui).

“Non riuscivo più a trattenerla, stavo poco bene” ha dichiarato nel verbale Francesco Valori, 51 anni turista romano in vacanza nell’agrigentino.

I carabinieri della stazione di Porto Empedocle lo hanno sorpreso poco prima di mezzogiorno mentre urinava in via Nereo, la strada provinciale 68 che collega il centro abitato di Porto Empedocle ai lidi balneari.

“Era un’ora che camminavo in una strada senza un bar, senza un locale dove fermarmi – racconta Valori, laureato in giurisprudenza e dipendente amministrativo di una società romana – Mi sposto con i mezzi pubblici perché noleggiare un’auto costava troppo. L’autobus mi ha lasciato a cinque chilometri dalla Scala dei Turchi. Ho provato a resistere, ma ho cinquant’anni e la resistenza non è quella dei vent’anni”.


Il turista romano ha cercato un punto isolato, una curva con le frasche abbastanza alte dove ripararsi, si è guardato attorno e ha fatto pipì. Sfortuna ha voluto che in quel preciso momento transitasse in quel tratto di strada un’auto dei carabinieri di Porto Empedocle. I militari hanno intravisto l’uomo in mezzo alla vegetazione e, forse pensando che si trattasse di un piromane, sono intervenuti.


Valori è stato portato in caserma a Porto Empedocle dove i carabinieri gli hanno contestato il reato di atti contrari alla pubblica decenza, un reato depenalizzato nel 2016 a sanzione amministrativa da 5.000 a 10.000 euro.


“Guadagno 1.200 euro al mese e questa pipì mi è costata tre mesi di stipendio – sottolinea inferocito Valori – So di aver sbagliato e se la multa fosse stata di 200 euro non mi sarei nemmeno arrabbiato, ma 3.333 euro è una follia. Ci vuole buonsenso. Sono rimasto due ore in caserma in attesa del verbale. A conti fatti potevo noleggiare una Porsche con gli stessi soldi”.

I carabinieri gli hanno elevato la sanzione minima prevista dal codice, ma il turista romano comunque non ci sta. “Mi hanno rovinato l’unica vacanza dell’anno e i prossimi mesi in cui dovrò fare enormi sacrifici per pagare la multa – conclude Valori – Non tornerò più in Sicilia. In quattro giorni ho visto comportamenti molto più incivili del mio non sanzionati”.