Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi
10/10/2019 06:00:00

Clima infuocato ad Erice. Toscano, Strongone e la questione morale nel Pd

 Erice è la vetta delle brutte notizie politiche, le nebbie ericine, come qualcuno le ha definite, stanno mettendo alla luce parecchie crepe.


Dopo i fatti sul consigliere grillino che spalleggia la maggioranza, come ha scritto Tp24, con tanto di intercettazioni, si è scatenata la polemica politica.
Che poi, diciamolo, tanta polemica non è. Si vogliono appurare i fatti, aprire una questione morale e non derubricarla facendo spallucce, come fan tutti. O quasi.

E’ Valentiva Villabuona, dirigente del Pd, partito di appartenenza della sindaca Daniela Toscano, a chiedere al suo partito che fine ha fatto la questione morale:
“ Andiamo per ordine, apprendo da un articolo di TP24,  che ad Erice il vice Sindaco dell’epoca si adoperava per recuperare in aula i voti per il piano sui rifiuti, fin qui nulla di strano. Apprendo però da un’intercettazione che comunicava alla Sindaca del Pd che un consigliere di minoranza, su suo suggerimento, avrebbe votato a favore per il bene della città, ci sta! Aggiunge però l’allora vice sindaco: “perché se no si stuia u Musso”. Ora, affidandomi alla serietà della testata giornalistica che riporta la notizia, mi pare che si apre una grande questione morale che non può più essere taciuta.

Perché il consigliere se votava contro si sarebbe “stuiato u Musso”? Su cosa si faceva pressione? Sono queste le vicende politiche che allontanano i cittadini e che fotografano una gestione politico amministrativa preoccupante.
E il #Pd che ha aperto il tesseramento e si avvicina ad un congresso, vuole farsi carico della questione morale ericina? O continuerà a trincerarsi nel silenzio, aspettando bene che finisca, di perdere le prossime elezioni?”.

Il vice sindaco citato dalla Villabuona, è Angelo Catalano, condannato per corruzione, mentre il consigliere comunale è Strongone, del M5S, che ha man mano sposato le tesi e votato favorevolmente gli atti dell’amministrazione, rifiutandosi di sottoscrivere la mozione di sfiducia alla sindaca ed entrando in disaccordo con il suo capogruppo in consiglio, Alessandro Baracco.

A conferma di qualche fosse il modus operandi ericino ci sono le asserzioni della consigliera di opposizione Simona Mannina: “ E’ importante chiarire che la sindaca sapeva e ha avallato tale modo di fare”.
Nel frattempo c’è chi incoraggia sia la Mannina che la Villabuona a creare le condizioni e le basi per una alternativa all’attuale amministrazione, in caso di voto anticipato, così da non farsi trovare impreparate.

Se Erice tornerà al voto a breve è presto per dirlo, tuttavia la questione morale irrompe e i vertici del Pd dovranno farsene carico, anche solo per smentire e tutelare la stessa sindaca e l’operato della sua amministrazione.

A difendere la sindaca Toscano è Camillo Oddo, ex deputato del Pd, che non ha dubbi sulla integrità dell’amministratrice della vetta e non ha dubbi nemmeno su quali siano i prossimi e positivi risultati ad Erice. Oddo ha affidato ad un comunicato stampa la sua difesa, parlando di politica, quella degli altri, fatta in maniera negativa:

“Al Comune di Erice, sta andando in scena in questi giorni il tentativo, da parte di una “politica” spregiudicata e trasversale, di alterare la realtà dei fatti. Alcuni personaggi pensano al giochetto sciagurato di non confrontarsi con la realtà ma di tentare di plasmarla a proprio piacimento. Si tratta di una condizione inaccettabile, che va combattuta ed isolata perché fa male ad un’intera comunità che merita invece rispetto e che chiede di essere amministrata con responsabilità, capacità e generosità così come sta facendo la Sindaca Toscano. C'è, insomma, chi pensa di delegittimare la Sindaca Daniela Toscano e l'intera amministrazione. E’ arrivato il momento di reagire e di mettere all’angolo questa combriccola di personaggi da bar e da tastiera”.


Si fa quadrato attorno alla Prima Cittadina di Erice, la fa Oddo a nome del partito: “La Sindaca Toscano non è isolata. Il Partito Democratico è convintamente schierato dalla sua parte e non per partito preso ma perché conosce la sua onestà morale, intellettuale e la sua abnegazione nell’attività di governo.
Bene ha fatto, la Sindaca, a ribadire la sua fiducia nella Magistratura dopo avere ricevuto un avviso di garanzia. Fiducia che confermiamo e che fa parte del nostro modo di fare politica. Risulta invece insopportabile e deprimente la volontà di certa politica di porre la cosiddetta questione morale. Tentativo insopportabile perché strumentale e che vede protagonisti personaggi che la storia di questo territorio ed anche qualche aula di Tribunale ha già definito nei particolari, non riconoscendogli neanche un briciolo di credibilità. Personale che si è auto-delegittimato con le sue stesse azioni, che ha fatto mercimonio della politica, che tira la pietra nascondendo la mano, che sta provando a confondere i cittadini raccontando bugie e rifuggendo dai contenuti”.


Sulla questione morale poi Oddo va fino in fondo e rimanda al mittente: “Non accettiamo lezione da queste persone. La nostra storia è collettiva, ideale. E’ vera passione politica. Non possiamo accettare che venga dato spazio e credito ad autentiche iniziative di sciacallaggio. Siamo pronti a sfidarli in ogni sede. Ma siamo soprattutto pronti a confrontarci con i cittadini ericini per comunicare loro che il Comune si sta avviando verso una nuova fase di crescita. Ci sono interessanti progetti pronti per essere cantierati, ci sono iniziative che stanno per emergere in tutta la loro importanza.
C’è forse qualcuno che ha il timore che possano concretizzarsi in poco tempo dando merito
all’attuale Amministrazione Comunale? C’è qualcuno che pensa di frenare l’Amministrazione Toscano?


Non ci riuscirà certo con una mozione di sfiducia che sfiora il ridicolo. Non ci riuscirà con l’utilizzo strumentale delle notizie di stampa. La coalizione è solida e sta con la sua Sindaca che ha le idee chiare sullo sviluppo complessivo del territorio. Sono donne, uomini e le idee espresse che hanno ottenuto il consenso ed i voti dei cittadini. La maggioranza, le persone che seriamente lavorano nell'interesse di Erice e la Sindaca Toscano non faranno l’errore di cadere nella trappola della polemica, dei si dice e dei destabilizzatori di professione”.
Su Erice le idee di Oddo sono chiare: “Erice ha una dimensione internazionale che va difesa da atti di autentico sciacallaggio politico e che va sostenuta per costruire un futuro fatto di certezze e di realizzazioni. Il Pd è pronto a fare la sua parte insieme alle altre forze di maggioranza. La Sindaca Toscano può andare avanti con determinazione e serenità”.