22/10/2019 09:21:00

Marsala, tenta il suicidio l'uomo arrestato per maltrattamenti alla moglie

 Prima posto agli arresti domiciliari e poi allontanato da casa con divieto di avvicinamento ai luoghi frequentati dalla moglie, e questo perché accusato di maltrattamenti in famiglia, un 47enne marsalese ha tentato il suicidio ingerendo del veleno.

L’uomo fu arrestato dalla polizia la sera dell’8 ottobre. L’arresto scattò perché, secondo l’accusa, l’uomo, pare per gelosia, aveva più volte aggredito la moglie, anche tirandole in faccia degli oggetti, tra cui un bicchiere di vetro.

La polizia intervenne a seguito di una segnalazione arrivata alla sala operativa del 113, non riuscendo, però, ad entrare subito nell’abitazione della coppia, nella zona di contrada Cutusio, perché l’uomo, nel frattempo, si era barricato dentro una stanza e, ammettendo di avere poco prima aggredito la moglie, minacciava di appiccare il fuoco alla casa.

Alla fine, però, i poliziotti lo convinsero a consegnarsi. Intanto, la donna raccontava agli investigatori che non era la prima volta che subiva violente aggressioni, ma non le aveva mai denunciate.

I medici del Pronto soccorso le diagnosticarono un “trauma cranico con ferita lacero contusa regione frontale” giudicato guaribile in 10 giorni.