Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi
27/11/2019 10:51:00

Gravi i due agenti di polizia di Trapani picchiati da un detenuto

 Hanno riportato ferite gravi i due agenti di polizia penitenziaria, in servizio alle carceri di Trapani, aggrediti e picchiati, ieri, da un detenuto algerino. Un agente ha riportato la frattura di un braccio. Il collega, invece, trauma cranico ed è tuttora ricoverato nel reparto di osservazione del Sant’Antonio Abate.

Sull’ennesimo episodio di violenza sono intervenute le organizzazioni sindacali di categoria con una nota congiunta.

“Mentre il capo del Dap – denuncia il segretario regionale della Uilpa Gioacchino Veneziano -si rifiuti di incontrare i sindacati, a Trapani continuano gli episodi di violenza che hanno come vittime i poliziotti”.

Per i rappresentanti sindacali che hanno sottoscritto il documento di protesta “la politica del buonismo non paga, e per questo che a breve daremo inizio a lotte giacché è stato davvero una beffa vedersi aprire un altro reparto senza un aumento dell’organico, subendo addirittura l’onta della visita di un Capo che non ha ritenuto doveroso sentire i propri uomini, confermando la lontananza tra i lavoratori delle trincee penitenziarie e i colletti bianchi che da postazioni comode gestiscono il mondo penitenziario portandolo all’attuale sfascio”.