14/02/2020 22:00:00

L'aggressione razzista a Palermo, la città si mobilita per dire "No al razzismo!"

Sabato 15 febbraio Palermo si stringerà attorno a Kande Boubacar, il ragazzo di ventanni di origini senegalesi che sabato scorso è stato aggredito da una comitiva di una trenta ragazzi.

La mobilitazione e l'affetto mostrato sui social, si sta concretizzando con l'organizzazione di una 'passeggiata di solidarietà' che partirà proprio dalla zona dove Kande è stato accerchiato e malmenato e poi soccorso prima da due giovani, lo psicologo Giorgio Rausa e l'allenatore di canottaggio, Corrado Luna, e poi dai sanitari.

Questo l'invito che gira sul web: "Come partecipanti attivi di una società civile, antirazzista ed inclusiva, siete tutti invitati. L'appuntamento è sabato, 15 febbraio. Insieme manifesteremo il nostro sdegno e la nostra protesta contro episodi a sfondo razzista come quello che è avvenuto nella nostra città, nella notte tra sabato e domenica, Palermo da sempre aperta ed accogliente. Da semplici cittadini senza casacche di alcun partito ma, ispirati da principi di rispetto universale chiediamo la partecipazione attiva di tutti per farci sentire da chi intende strumentalizzare l'odio e alimenta divisioni, vorremmo poter gridare forte tutti insieme: "No al Razzismo!". L'evento "Una candela contro il razzismo" avrà come punto di partenza Piazza Verdi (Teatro Massimo) verrà percorsa la via Cavour in direzione Piazza XIII Vittime, e si svolgerà in modo tranquillo e pacifico. Si partirà alle 18".