29/10/2020 18:00:00

Sicilia, Eleonora Lo Curto: "Il Governo Regionale riattivi la didattica in presenza per i disabili"

La deputata marsalese all'Ars, Eleonora Lo Curto, capogruppo dell'udc, con una sua nota interviene sulle attuali restrizioni che riguardano la didattica a distanza e in particolar modo chiede al presidente Nello Musumeci e all'assessore all'istruzione Lagalla di ripristinare la didattica in presenza degli studenti disabili che sono totalmente esclusi dalla  Qui la nota: 

 “E’ doveroso e indispensabile ripristinare immediatamente la didattica in presenza per gli studenti disabili siciliani del secondo ciclo dell’Istruzione, sospesa per effetto delle misure di contenimento del contagio da Covid-19. Chi non può agevolmente utilizzare gli strumenti tecnologici a causa dell’handicap ha egualmente diritto allo studio, all’integrazione ed alla formazione. Le famiglie non possono essere lasciate sole ad accudire i propri figli disabili e meno che mai possono provvedere ai diversi bisogni formativi dei proprio figli. Ho chiesto tramite un ordine del giorno, presentato all’Assemblea regionale siciliana, che il Governo Musumeci e segnatamente l’assessore all’Istruzione Lagalla si attivi per consentire ai ragazzi disabili di fruire della didattica in presenza a scuola o a domicilio poiché, con le attuali recenti restrizioni, questi risultano totalmente esclusi dalla possibilità di avvantaggiarsi dell’insegnamento da remoto. Per molti alunni disabili e per lo loro famiglie si tratta di una inedita e insostenibile condizione di diseguaglianza che va assolutamente ricondotta in termini di garanzia dei loro diritti a cui le Istituzioni debbono provvedere in ottemperanza agli articoli 3, 33 e 34 della Costituzione. Gli alunni disabili hanno diritto ad una didattica differenziata e individualizzata secondo principi, strumenti e strategie adeguatamente identificati attraverso il Piano educativo individualizzato (Pei), di cui ogni scuola si dota nell’ambito del Ptof. Dal mondo delle associazioni delle famiglie dei disabili e dalla stessa scuola viene fuori un quadro di allarmante condizione di abbandono di questi alunni lasciati solo alla cura delle proprie famiglie con grave pregiudizio del diritto allo studio, all’integrazione scolastica e anche al normale svolgimento della vita familiare e lavorativa di quei nuclei nei quali vivono questi ragazzi. L’insegnamento è molto più della semplice istruzione, ed è infinitamente altro rispetto alla Dad soprattutto quando si è in presenza di alunni disabili per i quali è indispensabile il pieno coinvolgimento delle diverse forme di intelligenza e di abilità che essi possiedono e che solo la relazione empatica tra alunno e insegnante rende possibile. Occorre rimediare immediatamente e sono grata a tutte le forze del parlamento regionale per la condivisione dell’ordine del giorno da me presentato auspicando anche un graduale e contingentato ritorno in classe a gruppi di alunni per evitare la solitudine e l’isolamento degli studenti disabili. Al tempo stesso ho chiesto che vengano garantiti, insieme all’insegnante di sostegno, l’assistente alla comunicazione e all’autonomia e quello igienico personale complesso per le situazioni di maggiore gravità”. 



https://www.tp24.it/immagini_banner/1605107467-alza-la-tua-visione.gif
https://www.tp24.it/immagini_banner/1604331449-novembre-2020.gif
https://www.tp24.it/immagini_banner/1605546251-black-friday.gif
https://www.tp24.it/immagini_banner/1604651182-jacket-days.gif