02/05/2021 10:19:00

L'italoamericano di Santa Ninfa fermato all'aeroporto di Birgi con armi e ...

 Ha suscitato molta curiosità la notizia, raccontata ieri da Tp24, dell'italoamericano proveniente niente di meno che con un aereo privato, dalla Florida, e atterratto a Trapani Birgi, e poi bloccato perché aveva con se due pistole, arco e frecce, nonché dela droga.

L'uomo, H. P. J., ha detto di essere un imprenditore di avere un'impresa a Santa Ninfa, dove era diretto.

Sulla vicenda arriva anche una nota della Questura:

Aveva con sé armi e droga il cittadino americano arrestato, nel tardo pomeriggio di ieri, presso l’aeroporto di Trapani Birgi, dagli operatori della Squadra Mobile della Questura di Trapani, coadiuvati dalla Polizia di Frontiera, dai funzionari dell’Agenzia della Dogane e da un’unità cinofila della Guardia di Finanza.

L’uomo, H.P.J., sessantaquattrenne statunitense, era giunto intorno alle 13.00 nello scalo trapanese, a bordo di un velivolo privato proveniente direttamente dalla Florida.

Nel corso del controllo effettuato sui numerosi effetti personali che il facoltoso uomo d’affari portava al seguito, gli operatori impegnati nell’attività di polizia, hanno rinvenuto due pistole calibro 38, schermate da alcuni pesi a cavigliera e diverse munizioni.

Avvolti in alcune coperte una carabina ad aria compressa con potenza superiore a quella consentita in Italia per la libera vendita e due archi da tiro con relative frecce.

Celate all’interno di borracce in alluminio, diverse buste di marijuana per un peso complessivo di oltre un chilogrammo e, a parte funghi di tipo allucinogeno ed alcune compresse di prodotti anfetaminici.

Dai primi accertamenti effettuati, l’uomo, finito in carcere con l’accusa di introduzione nello Stato di armi e sostanze stupefacenti, era salito a bordo esibendo un passaporto annullato, traendo così in inganno il pilota del jet.