19/09/2021 04:00:00

  Il tonno del Mediterraneo il più inquinato al mondo dal mercurio

Di tutti i mari della Terra, il Mediterraneo è quello con il maggior accumulo di mercurio, un metallo altamente inquinante e tossico per l'uomo.

Lo rivela uno studio che prende come base la quantità di questo elemento rilevata nel corpo del tonno rosso, una specie che viene solitamente utilizzata per misurare i livelli di mercurio nell'ambiente marino. Ed è che questo animale, massicciamente consumato dall'uomo, accumula mercurio mentre invecchia e quindi viene solitamente utilizzato come barometro globale per misurare fino a che punto presenta mercurio nel suo corpo e quindi conoscere il grado di rischio che pone. In effetti, le concentrazioni neurotossiche di metilmercurio nella carne di tonno rosso spesso superano i livelli sicuri per il consumo umano, come costantemente dimostrato dai test quotidiani effettuati dalle autorità di diversi paesi. Per scoprire quali tonni sulla Terra sono i più colpiti dal mercurio, i ricercatori degli Stati Uniti e di Taiwan hanno confrontato la concentrazione muscolare di questo elemento nelle specie di tonno rosso provenienti da quattro diversi oceani. Esistono tre specie di tonno rosso: l'Atlantico (il più grande e minacciato), il Pacifico e il sud.

La maggior parte delle catture di tonno rosso dell'Atlantico proviene in realtà dal Mediterraneo, che è la più importante pesca di tonno rosso al mondo. Ora, la ricerca pubblicata sulla autorevole rivista Proceedings of the National Academy of Sciences of the United States of America (PNAS), una rivista scientifica statunitense, organo ufficiale della United States National Academy of Sciences, mostra qual è l'abbondanza di mercurio in ciascuno dei mari del mondo e la conclusione è che il Mediterraneo è il peggiore di tutti in questo senso. "L'inquinamento da mercurio degli ecosistemi del Mar Mediterraneo è stato motivo di preoccupazione per decenni ed è il risultato di attività sia vulcaniche che umane", osservano gli autori del documento. Essendo un mare quasi chiuso, "le fonti di deflusso di mercurio nel Mediterraneo sono quasi uguali agli afflussi per via atmosferica, fluviale e geogenica", sottolineano gli scienziati.

Cioè, le concentrazioni di questo metallo in quel mare rimangono abbastanza stabili, rispetto ad altri mari del pianeta. "Flussi relativamente elevati di mercurio verso questo bacino appena uscito verso il mare aperto, che sperimenta poco scambio con il Nord Atlantico, si traducono in una minore variabilità delle concentrazioni di mercurio nelle acque superficiali", afferma lo studio. Ma, in aggiunta, le alte temperature delle acque mediterranee e il consumo di ossigeno nelle acque superficiali stratificate e oligotrofiche portano a concentrazioni più elevate nell'acqua e nel corpo del tonno rispetto ad altri mari. Inoltre, non vi è alcun dubbio sull'origine del tonno analizzato, poiché è una specie che generalmente non migra verso il Nord Atlantico, ma rimane nel Mediterraneo. Il mercurio trovato in questo mare proviene sia da processi naturali, come la lisciviazione delle rocce, sia dall'inquinamento umano da estrazione di metalli, fusione e combustione di combustibili fossili. Nel Pacifico settentrionale, nell'Oceano Indiano e nell'Oceano Atlantico settentrionale, i tassi riscontrati sono molto più bassi, poiché non sono influenzati da questi fattori e, inoltre, ha molta più superficie in cui disperdere questo materiale inquinante. "Il nostro studio dimostra che i tassi di accumulo di mercurio nel tonno rosso possono essere utilizzati come indice di inquinamento globale che può rivelare modelli di inquinamento da mercurio e disponibilità negli esseri viventi dell'oceano, nonché emissioni naturali e prodotte dall'uomo", afferma John Reinfelder professore presso l'Università di Rugers New Brunswick.

 



Medicina e Chirurgia | 2021-11-26 09:09:00
https://www.tp24.it/immagini_articoli/24-03-2021/1616566080-0-etna-un-altra-eruzione-fontane-di-lava-e-boati-il-video.jpg

Quando bisogna andare dal cardiologo?

La prevenzione spesso rappresenta la nostra salvezza, soprattutto in alcuni ambiti, pertanto, il nostro obiettivo è di sensibilizzare le persone a prendersi cura della propria salute e di quella dei propri cari, attraverso...

https://www.tp24.it/immagini_banner/1638288574-campagna-9-di-12.gif
https://www.tp24.it/immagini_banner/1637226535-istituzionale-9-di-9.gif
https://www.tp24.it/immagini_banner/1638032102-istituzionale-5-di-6.gif
<