Quantcast
×
 
 
19/05/2023 09:20:00

"Non sono stato io a tentare di strangolarla" 

  “Non sono stato io a tentare di strangolarla. E’ stata lei a cercare di strangolarsi da sola, mettendosi attorno al collo la corda di nylon che io avevo in auto…”. E’ così che, parola più parola meno, ha tentato di difendersi, in Tribunale, a Marsala, il 63enne ex pescatore castelvetranese Ernesto Favara nel processo che, davanti al giudice Francesca Maniscalchi, lo vede imputato per maltrattamenti familiari, minacce e lesioni personali alla defunta moglie.

Lo scorso 24 dicembre, infatti, il Favara è stato arrestato dai carabinieri per l’omicidio della donna, uccisa con 14 coltellate all’addome nella loro abitazione di Marinella di Selinunte. E per questo c’è un procedimento penale a parte.

Il processo in corso a Marsala è invece per fatti del 2021. Nella denuncia da cui è scaturito questo processo, la Amatuzzo (che quando è stata uccisa aveva 29 anni) ha raccontato che la sera del 4 maggio 2021 il marito avrebbe tentato di strangolarla con una corda di nylon all’interno dell’auto con cui era andato a prenderla nella struttura di accoglienza di Partanna di cui in quel periodo era ospite. “Non sono stato a tentare di strangolarla” ha, invece, sostenuto il Favara rispondendo in aula alle del pm, del suo difensore Margherita Barraco e dell’avvocato di parte civile Vito Cimiotta. Secondo la ricostruzione dell’uomo, la moglie avrebbe preso la corda di nylon che lui aveva in auto e se la sarebbe messa attorno al collo. E lui non sarebbe riuscito ad impedirglielo. Bisognerà vedere se il giudice gli avrà creduto. Lo scorso 16 marzo, era stata ascoltata una operatrice della struttura di accoglienza di Partanna e questa ha dichiarato di quando la Amatuzzo decise di uscire, accettando l’invito del marito a fare un giro in auto, lei tentò di impedirlo, ma non ci riuscì. E che quando, mezz’ora dopo, la donna tornò, aveva segni di strangolamento sul collo. Subito dopo venne accompagnata al Pronto soccorso di Castelvetrano. Un carabiniere ha, poi, dichiarato che la stessa sera, scattato l’allarme, intorno alle 23.30, fu rintracciato il Favara e nella sua auto venne trovata, e sequestrata, una corda in nylon che appariva già utilizzata. Nel processo è parte civile il padre di Maria Amatuzzo, assistito dall’avvocato Vito Cimiotta. Alla prossima udienza, il 6 luglio, verranno sentiti i primi testimoni della difesa.



Giudiziaria | 2024-06-20 13:12:00
https://www.tp24.it/immagini_articoli/24-03-2021/1616566080-0-etna-un-altra-eruzione-fontane-di-lava-e-boati-il-video.jpg

Un'assoluzione per l'ex Sindaco di Favignana Pagoto

 L'ex Sindaco di Favignana, Giuseppe Pagoto, è stato assolto ieri dal Tribunale di Trapani con formula piena dalle accuse relative alla gestione degli impianti di depurazione e del trattamento dei liquami nell'isola Egadi. Pagoto, che...

Native | 2024-06-20 09:00:00
https://www.tp24.it/immagini_articoli/24-03-2021/1616566080-0-etna-un-altra-eruzione-fontane-di-lava-e-boati-il-video.jpg

Scoprite l’eccellenza del Ristorante Dal Cozzaro

Situato nel pittoresco borgo marinaro di San Vito Lo Capo, il Ristorante Dal Cozzaro è una tappa obbligata per gli amanti della cucina mediterranea. Con una passione profonda per la tradizione siciliana, il Ristorante Dal Cozzaro offre...