Quantcast
×
 
 
31/03/2024 06:00:00

La sorpresa che vorremmo

 Entri a Marsala da nord sulla destra le saline in fondo le Egadi e poi, dopo la Lega Navale, uno scorcio degli Hangar Nervi ma li ci arriviamo dopo.
Qualche giorno addietro uno sfogo - legittimo - di un editore siciliano che denunciava dopo tre anni dall’approvazione di una provvidenza il mancato accredito da parte di Regione Siciliana dei ristori post pandemia; sempre lui ricordava che a parte i noti dati lettura della nostra Isola, la stessa - nel 2024 - continua a non avere una legge ad hoc a sostegno del comparto (cara politica perché sei così distratta?).


Quanto fa il CEPELL a livello nazionale diciamo che è insufficiente - almeno ai nostri paralleli, poi dopo la designazione di Taurianova a Capitale del Libro 2024, dalle nostre parti non godono di gran credito. Come puoi immaginare un futuro, se il disinteresse è totale già al presente? Se non hai interesse alcuno per la costruzione dell’oggi per le nuove generazioni passando per una ricognizione delle esigenze minime di base, è faticoso immaginare un pensiero quale esso sia sulla materia.
Che poi i più penserebbero che sia appannaggio di pochi, quando in realtà tocca tutti noi, ovvero leggere informarsi capire e scomodo Tullio De Mauro in un suo saggio curato da Francesco Erbani del 2010 “la cultura degli italiani” per Laterza -

«È mancata una politica pubblica per un’adeguata istruzione secondaria e universitaria, per un sistema di apprendimento durante tutta la vita, per biblioteche e promozione della lettura. Giorgio Napolitano ha detto di avere fiducia negli spiriti vitali degli italiani. Vorrei dargli ragione, a patto che tra gli spiriti vitali ci siano anche l’intelligenza per capire l’inadeguatezza cronica della politica e la capacità di selezionare ed esprimere una classe dirigente all’altezza dei nostri problemi»

Ora è vero noi Italiani risorgiamo con spirito indomito, ma non possiamo affidarci sempre all’Araba fenice e per una volta, potremmo avere una visione comune di medio periodo? Chiedo al Sindaco della mia Città, muovendomi tra il Professor De Mauro e Pierluigi Nervi, Lei ritiene possibile un volo alto così da innestarlo concretamente oggi per vederlo realizzato tra qualche anno?
Di che parlo? In una chat di Bibliotecari italiani, Giulio Blasi - già fondatore di MLOL (biblioteche digitali) rilanciava un post sul cantiere in corso del Palazzo delle Esposizioni di Torino - struttura disegnata da Ettore Sottsass e realizzata da Nervi, che con fondi PNRR sarà recuperato dall’abbandono e restituito alla comunità con una Biblioteca e molti altri servizi connessi.
L’Aeronautica militare da anni ha abbandonato da un punto di vista operativo il sito degli Hangar Nervi di Marsala - e noi abbiamo il vanto e l’onere di averne due, oltre una pertinenza attorno incredibile per progettare di tutto (Digital Innovation Hub, essere attrattori per corsi universitari futuri - lì c’è tutto, cubature spazi da rigenerare e in un contesto dove un amico di Marsala il Professor Giuseppe Barbera potrebbe concretamente valorizzare un giardino mediterraneo che si è preservato da solo grazie all’abbandono (…)

Al netto di tutto, forse abbiamo la necessità tangibile di tornare a credere in qualcosa da consegnare ai posteri, avere l’ostinazione che si possa cambiare insieme “semplicemente” rigenerando ciò che abbiamo. E’ complesso? Anche di più ma non impossibile, e la narrazione degli ultimi vent’anni sul tema non ha portato a nulla se non a rendering o idee di waterfront, che mostrano la corda già a chiamarlo così.
Vedendo quel servizio della Rai Piemonte, ho immaginato quel cantiere ad Alasram città cara a Italo Calvino, e mai oggi avremmo la necessità di fare nostra quella leggerezza densa e concreta per immaginarci domani.
Ridefinire il significato di cultura e tratteggiarne noi la trasformazione con l’aiuto di molti che hanno a cuore questa Città, tratteggiare una nuova idea di saperi.

Lei Signor Sindaco potrebbe chiudere il suo mandato naturale con un segno tangibile di sviluppo e crescita per la nostra Comunità con una visione che non avrebbe valenza solo nella provincia ma potrebbe rilanciare Marsala su scenari diversi dove la leva è la Cultura ovvero Sviluppo

Giuseppe Prode

 

 

 

 



Native | 2024-05-21 15:48:00
https://www.tp24.it/immagini_articoli/24-03-2021/1616566080-0-etna-un-altra-eruzione-fontane-di-lava-e-boati-il-video.jpg

Estate, arte e distillati agli Opifici Culturali Bianchi

Al via la stagione estiva e la Distilleria Bianchi, sul lungomare di Marsala, non si fa cogliere impreparata. Dopo il restauro dei Silos, che sono stati riconvertiti, mediante una ristrutturazione edilizia in spazi ricettivi, per ospitare turisti e...