Quantcast
×
 
 
24/05/2024 07:00:00

Ci sono troppi accessi "impropri" ai pronto soccorso

 Gli accessi al Pronto Soccorso hanno raggiunto i 20 milioni l’anno.


È quanto emerge dall'indagine conoscitiva della Commissione Affari sociali della Camera sui ricoveri di urgenza ed emergenza e sulla situazione dei Pronto Soccorso in Italia. Nell'indagine si riscontra l'elevato numero di accessi impropri: il numero di codici verdi e di codici bianchi supera abbondantemente il 50% degli accessi totali.

Sempre l’indagine mette in luce una situazione difficile, conseguenza di problemi complessi, spesso inveterati. Tra le cause, la mancanza di 4.500 medici e 10mila infermieri, i tempi di attesa per il ricovero, la carenza di posti letto disponibili nei reparti di degenza causata e la difficoltà a garantire un turnover adeguato del persone.
Il ministro della Salute, Orazio Schillaci, intervenendo a Roma alla conferenza stampa di presentazione dell'indagine conoscitiva sulla medicina di emergenza - urgenza e Pronto Soccorso ha ribadito: “In merito alla questione del sovraffollamento la soluzione, come condiviso anche nei risultati dell'indagine conoscitiva, è ovviamente nel potenziamento della medicina territoriale. L'ho messo in evidenza io e credo anche gli altri auditi in questi mesi. Su questo ci sono i fondi del PNRR. Lo sappiamo bene: oggi il Pronto Soccorso è l'unico punto di riferimento per il cittadino: aperto sette giorni su sette, 24 ore su 24".


Una recente indagine Agenas, ha sottolineato che la maggior parte degli accessi al Pronto Soccorso sono in prevalenza codici bianchi e verdi, circa 4 milioni sono accessi impropri. Dalla stessa indagine emerge però anche che dove è già attiva la medicina territoriale, come dimostrano alcune esperienze regionali, gli accessi impropri al pronto soccorso si riducono". La medicina territoriale, dunque, secondo Schillaci è la "riposta al problema e sarà essenziale il contributo dei medici di famiglia che sono e restano il primo filtro per il cittadino. Nelle strutture territoriali i cittadini, oltre al medico di famiglia troveranno team multidisciplinari, per dare risposte a bisogni di salute non urgenti che non possono trovare sfogo sempre e solo nel pronto soccorso".
Tali strutture devono essere realizzate "entro il 2026 e nella legge di bilancio 2024 abbiamo anche previsto risorse per assumere personale, non previste nel PNRR. Risorse che saranno impegnate nel 2025 e nel 2026”.



Sanità | 2024-06-13 16:16:00
https://www.tp24.it/immagini_articoli/24-03-2021/1616566080-0-etna-un-altra-eruzione-fontane-di-lava-e-boati-il-video.jpg

Allarme rientrato ad Alcamo, non è meningite

Sospiro di sollievo per la comunità di Alcamo, dove nei giorni scorsi era scattato l'allarme per un possibile caso di meningite meningococcica all'istituto comprensivo statale "Maria Montessori" (ne abbiamo parlato...

Sanità | 2024-06-13 00:05:00
https://www.tp24.it/immagini_articoli/24-03-2021/1616566080-0-etna-un-altra-eruzione-fontane-di-lava-e-boati-il-video.jpg

Asp di Trapani, sono 27 gli informatici assunti

 Sono 27 i nuovi Assistenti Tecnici Periti Informatici assunti dalla direzione generale dell’Asp di Trapani. I neo assunti hanno partecipato ad una selezione pubblica per la stabilizzazione del personale precario, anche non più in...