15/10/2012 20:29:58

Un arresto ad Alcamo per una rapina commessa nel 2010. Paolo Di Dia incastrato dalle impronte

I  carabinieri del Nucleo operativo della Compagnia hanno eseguito l'arresto di Paolo Di Dia, 22enne già noto alle forze dell'ordine.
Secondo gli investigatori, il giovane, assieme ad un complice ancora sconosciuto, nella notte del 10 aprile 2010 avrebbe fatto irruzione nell'appartamento della signora, A. M., di 98 anni. I rapinatori immobilizzarono e imbavagliarono l'anziana per poi rapinarla dei suoi pochi averi, dopo essersi arrampicati lungo una grondaia ed avere forzato una finestra per entrare nell'immobile. La vittima, legata a una sedia con lunghe strisce di nastro adesivo, fu liberata l'indomani dal figlio che chiese poi l'intervento dei militari dell'Arma. Gli esperti del Nucleo operativo repertarono in quella occasione alcune impronte digitali e altre tracce ritenute utili per la comparazione del Dna e tutto il materiale fu inviato successivamente al Ris di Messina per gli accertamenti necessari.
La svolta nelle indagini sarebbe però arrivata lo scorso mese di luglio, quando una pattuglia del Nucleo Radiomobile della Compagnia sorprese due ladri in azione in una palazzina di corso dei Mille riuscendo ad arrestarne uno nella flagranza del reato di furto. Il fermato in quella circostanza, Paolo Di Dia, assieme ad un complice aveva appena raggiunto un balcone del primo piano dell'edificio, arrampicandosi su una grondaia come era avvenuto anche per la rapina all'ultranovantenne. Il giovane sarebbe stato quindi sottoposto all'operazione di foto-segnalamento e alla rilevazione delle impronte digitali, risultate poi combacianti con quelle riscontrate sul luogo della rapina di oltre due anni fa.
I risultati investigativi, condivisi dal sostituto procuratore di Trapani, Antonio Sgarrella, hanno portato il giudice per le indagini preliminari Antonio Cavasino a disporre la misura cautelare degli arresti domiciliari nei confronti dell'indiziato. Il provvedimento ha avuto applicazione ieri mattina, con l'arresto operato dagli stessi militari che hanno condotto le indagini. L'attività investigativa resta orientata all'identificazione dell'uomo che avrebbe affiancato Di Dia nella rapina a danno dell'anziana.