Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi
13/06/2018 02:35:00

Scrive l'avvocato Buscaino, sui suoi clienti che sono stati assolti

Scrive l'avvocato Donatella Buscaino per alcune precisazioni sul processo che coinvolge Antonella Agosta ed Emanuele Scimemi. Entrambi assititi da Buscaino.Ecco la nota.

I miei assistiti, Emanuele Scimemi e Antonella Agosta, sono stati assolti dai reati contestati dalla Pubblica Accusa, sia in primo grado che recentemente anche dalla Corte di Appello di Palermo.
La sentenza di primo grado assolveva sia Scimemi che Agosto dal reato di rapina in concorso per non avere commesso il fatto oltre a dichiarare estinta la misura cautelare dell'obbligo di dimora applicata ad entrambi gli imputati. Le indagini erano state avviate a seguito di una denuncia dello zio Alberto Danese il quale riferì di essersi sentito male dopo avere bevuto una birra offertagli dai nipoti. Al risveglio non aveva più ritrovato il portafogli. Per il pm, Scimemi e Agosta avevano versato all'interno del bicchiere dello zio delle gocce di tranquillante. Dagli esami emerse la presenza nelle urine di sostanze ipnotiche. La tesi prospettata dall'accusa è stata contestestata dalla difesa degli imputati. Confermata poi dalla sentenza, rilevando che non è stata trovata alcuna traccia di sostanza narcoticheo ad azione sedativa.
Alla sentenza di primo grado, la Pubblica Accusa ha proposto impugnazione rilevando che le dichiarazioni rese dalla persona offesa con gli altri testi escussi erano conformi, concordanti e credibili.
Anche in secondo grado i miei assistiti sono stati assolti avendo la Corte d'Appello di Palermo confermato la sentenza di primo grado.
Con preghiera di darne opportuna diffusione,
Cordiali Saluti