29/03/2019 10:00:00

Libero Consorzio di Trapani, solo sette comuni trapanesi hanno versato la tassa ambientale

Dei 24 comuni della provincia di Trapani, sono in sette hanno versato al Libero Consorzio Comunale di Trapani la quota, per l'anno 2018, del «Tributo per l'esercizio delle funzioni di tutela, protezione e igiene dell'ambiente» (TEFA). Sono i Comuni di Trapani, Pantelleria, Partanna, Castellammare del Golfo, Valderice, Alcamo e Marsala. Con loro hanno versato le quote di competenza anche gòli Enti Riscossione Sicilia e Equitalia-Agenzia Entrate Riscossioni.

Il “Tributo provinciale per l'esercizio delle funzioni ambientali” (TEFA) è stato istituito a fronte dell'esercizio delle funzioni amministrative di interesse provinciale, riguardanti l'organizzazione dello smaltimento dei rifiuti, il rilevamento, la disciplina ed il controllo degli scarichi e delle emissioni e la tutela, difesa e valorizzazione del suolo.

Il TEFA, date le caratteristiche normative volute dal Legislatore, è quindi un tributo incassato dai singoli Comuni contestualmente alla tassa/tariffa per lo smaltimento dei rifiuti solidi urbani (TARSU/TIA fino al 2012, Tares 2013 e Tari dal 2014).