17/05/2019 06:00:00

Mazara, Maricò Hopps:"La Lega è una grande opportunità per la Sicilia Occidentale"

Maricò Hopps candidata al parlamento europeo alle elezioni del 26 maggio. Era candidata anche al consiglio comunale di Mazara a sostegno del candidato sindaco Randazzo, facciamo un’analisi del voto a Mazara?

Personalmente, chi parla di sconfitta di Giorgio Randazzo non ha visto i numeri che ha fatto. Un risultato eccezionale quello di questo giovane che ha ottenuto oltre tremila voti in più rispetto al primo turno. Detto questo era la lotta del tutti contro uno e del civismo che nascondeva in realtà il partito, ma perché non c’era il coraggio di mettere la bandiera di partito, così come abbiamo fatto noi, che abbiamo indossato la spilla che contraddistingue il nostro partito.

Quinci ha avuto un'ampia coalizione, trasversale, dal centrodestra al centeosinistra. 

Secondo me Quinci ha fatto una grande miscellanea. Ricordiamo che all’interno della coalizione sono presenti gli esponenti dell’amministrazione Cristaldi. Poi c’è la presenza di una lista civica che in realtà rappresenta il partito democratico di Mazara del Vallo.

Sono cambiate le deleghe assessoriali ma in buona parte c'è una fetta di politica mazarese. Anche la giunta è trasversale. 

E’ possibile cambiare le deleghe assessoriali. Bilardello dopo sette anni è stato spostato al Welfare, l'assessorato al Bilancio è stato dato ad una donna di fiducia di Giorgio Macaddino e Baldo Gucciardi. Quindi si passa da Fratelli d’Italia all’area Cristaldiana passando per il Partito Democratico, solo perché la gente non ha avvertito la presenza dei partiti che oggi hanno la necessità di nascondersi dietro al civismo tipico delle amministrative.

Maricò Hopps, parliamo delle europee. Il 26 maggio si vota e lei è in lista con la Lega. Che campagna elettorale è questa?

Parto dal presupposto che è una grande opportunità per la Sicilia occidentale. La Lega otterrà un grande risultato rispetto a quelle che sono le previsioni dei sondaggi. Un partito trainato da Salvini che sta facendo materialmente quello che dice e che bada ai fatti.

E’ arrivato il sottosegretario Massimo Bitonci a sostenere la sua candidatura.

Sì, Massimo Bitonci è una persona splendida. Nonostante la sua giovane età ha già tanta esperienza anche come sindaco di Padova. Veniva chiamato sindaco “sceriffo” proprio per quella esigenza di ordine che la Lega sta cercando di riportare.

Ma non sono queste parole, “sceriffo”, “prima gli italiani” che fanno paura all’elettorato?

Ma no, io credo che sia una grande esigenza e una grande necessità e l’aumento di quelli che sono i consensi della Lega lì, dove va a governare, ne sono una dimostrazione.

Maricò Hopps, lei è mazarese, cosa dice dei problemi e delle pesanti criticità in cui versa la marineria?

Non è un urlo di aiuto che arriva solo dalla marineria. Abbiamo girato quasi tutta la Sicilia, e dalle grandi città ai piccoli paesi c’è una richiesta di aiuto non solo della marineria, ma anche dell’agricoltura, dell’artigianato, perché mancano quelli che sono i servizi principali. Siamo stati abbandonati da quella politica che troppo viene a prendere in Sicilia e che nulla ritorna e che non è stata fino ad oggi rappresentativa rispetto a quelle che sono le esigenze del territorio.

Hopps lei è l’unica donna candidata della provincia di Trapani.

Cercheremo di essere rappresentativi di tutto il territorio della Sicilia, poi è chiaro che dalla provincia di Trapani speriamo che arrivi un importante risultato che faccia comprendere l’investimento politico che sta facendo la Lega nella Sicilia occidentale, tra l’altro qui c’è anche la candidatura di Igor Gelarda che è il responsabile degli Enti locali che, assieme al senatore Candiani sta cercando di creare questa nuova classe di rigente all’interno di un partito, dove, tanti dinosauri stanno cercando di entrare. Ci aspettiamo, infatti, l’invasione da parte dei barbari.