12/10/2019 10:13:00

Studenti sbarcano in Sicilia con della droga. Fermati dal cane finanziere "Elisir"

Due studenti romani appena sbarcati al porto di Palermo sono stati fermati dai finanzieri che, grazie al fiuto del cane "Elisir" sono riusciti a controllarli e farsi consegnare la droga: hashish e marijuana in loro possesso.

I militari, inoltre, sempre nell'ambito di controlli antidroga e in particolare in ambito scolastico, su segnalazione del personale di una scuola di Bagheria, hanno scoperto uno studente in possesso di uno spinello. I dettagli nel comunicato dei militari:

I Finanzieri del Gruppo di Palermo, in esito ai controlli effettuati nell’ambito del dispositivo permanente di contrasto ai traffici illeciti, hanno registrato un incremento delle violazioni in materia di uso personale di sostanze stupefacenti da parte di adolescenti. Presso il porto di Palermo sono state elevate due contestazioni nei confronti di due alunni di una scolaresca romana in gita nel capoluogo siciliano. Appena giunti in porto, a causa delle tracce odorose riconducibili alle sostanze stupefacenti rilevate dall’infallibile fiuto del cane “Elisir”, i due giovani (minorenni) sono stati controllati ed hanno consegnato spontaneamente ai militari la sostanza stupefacente, hashish e marijuana, detenuta. A Bagheria, i Finanzieri della locale Compagnia hanno intrapreso un’attività finalizzata a neutralizzare una presunta attività di spaccio posta in essere da alcuni soggetti, tra cui alcuni minorenni, nei pressi di un plesso scolastico. L’attività in parola, sviluppata a seguito di richiesta del personale scolastico, ha permesso di sottoporre a controllo un alunno, il quale deteneva uno spinello contenente hashish. In entrambi i casi è stato operato il sequestro amministrativo delle sostanze e i giovani segnalati all’Autorità Prefettizia per violazione dell’art. 75 del D.P.R. 309/90. L’attività di prevenzione e di utilità sociale dei finanzieri si affianca all’azione educativa di docenti scolastici e genitori, al fine di dissuadere i giovani dall’uso di sostanze stupefacenti.