16/02/2020 10:00:00

Marsala e non solo. Le sale cinematografiche del Sud hanno la necessità di cambiare

Nel 2020 possedere un Cinema non più è sufficiente, e la paventata chiusura del Cinema Centrale di Marsala ne è sicuramente la prova. Nell’epoca che stiamo attualmente vivendo, con nuove piattaforme come Netflix, Amazon prime video, Infinity e tante altre, possedere un Cinema non si limita solo ad avere una sala in cui proiettare dei film ed aspettare che la gente venga, ma essere un vero e proprio imprenditore. Sicuramente il primo passo per avvicinarsi al pubblico è mettersi a disposizione di esso.

Investire sul comfort e sulla modernità, sul riscaldamento e su apparecchiature all’avanguardia che permettano di avere una visione ottimale e non più ferma agli anni ’90, una triste situazione che investe non solo Marsala ma la maggior parte dei Cinema in Sicilia. Avvicinarsi ai giovani economicamente e ai più adulti attirando il loro interesse. Comunemente i Cinema vivono la solitudine durante la settimana, ed è proprio per questo che al nord hanno inserito degli sconti per studenti liceali, universitari, dei pacchetti mensili, uno sconto comune un solo giorno della settimana o accordi scolastici per la visione di film mattutini. Cosi che un ragazzo ,che ovviamente non guadagna, con 7€ potrà non solo guardarsi un film ma anche acquistare da mangiare. Un altro fattore da non escludere è decisamente Instagram, che ricopre una
fascia di età davvero estesa. Con Instagram si ha la possibilità di fare qualcosa che prima non era immaginabile, avere della pubblicità gratuita attraverso un semplice follow.

Nel 2020 una locandina può dare un input, ma proporli in rete è decisamente più efficace. Bisogna proiettare i film più richiesti tenendo conto delle giuste tempistiche (lo spoiler è dietro l’angolo e i giovani non aspettano mesi per un film che
riscuote un gran successo). Ma bisogna soprattutto mostrare perché si è deciso di portare in sala quel film, il successo che ha riscontrato, i premi, gli attori emergenti e i grandi di sempre, dimostrare al pubblico perché è necessario che quel film vada visto al cinema. C’è una scena iconica in cui Jordan Belfort in “The Wolf of Wall Street” deve mostrare come vendere una semplice penna alla persona che ha di fronte :
“Vendimi questa penna”, “Ti devo vendere questa penna? Scrivimi il tuo nome”, “Come faccio non ho la penna”, “ Eccola! Basta chiedere”. Questa apparentemente piccola scena in realtà racchiude lo scopo di ogni venditore, creare una necessità, il bisogno, nel nostro caso, di dover vedere quel film.

Il Cinema fortunatamente è un’arte che non smetterà mai di emozionare, e il piacere di vederlo in una bella sala con le giuste luci, non sarà mai paragonabile al vostro Pc o al televisore in casa. Ma la bravura nel farlo capire alla gente sta proprio in chi ha principalmente questo interesse.

Di Giorgia Conigliaro